Il rosso e il nero

Il rosso è quello di Alexis Tsipras, che ha stravinto le elezioni europee in Grecia con Syriza ed è riuscito, nonostante la (a dir poco) confusione che regna nella sinistra italiana non nel Pd, a trascinare la lista L’Altra Europa sopra la soglia del 4%. Il nero arriva in primis da Francia e Gran Bretagna: il Fronte Nazionale di Marine Le … Continua a leggere

Elezioni, le due cose importanti (che quasi nessuno dice)

Abbiamo sentito urla, insulti, promesse e sparate di ogni tipo in questa campagna elettorale per molti versi vergognosa. Non abbiamo, mi pare, ascoltato quasi nessuno dei candidati al parlamento europeo, che è abbastanza grave. Inoltre, non abbiamo quasi mai ascoltato le due cose importanti da sapere per le elezioni di domenica. Ve le dico io: 1) si vota soltanto domenica … Continua a leggere

Emanuele non balla a Strasburgo

 Non ce l’ha fatta il principe senza trono Emanuele Filiberto, candidato nel Nord Ovest per l’UDC alle recenti elezioni europee. Eppure era partito bene, (ri)costruendosi un’immagine pubblica di bravo ragazzo, padre di famiglia, povero esiliato che non aveva mai conosciuto il suo paese, aristocratico senza essere altezzoso, ballerino glamorous nello show di Milly Carlucci, arbiter elegantiarum dalla De Filippi. In un’Italia sempre più … Continua a leggere

I mille colori dell’astensionismo

Astensionismo. Di sicuro dalle dichiarazioni dei protagonisti si sa che “pesa” e che l’affluenza è stata del 66,46 per cento, contro il 72,88% della precedente consultazione. A sinistra – L’astensionismo a vocazione minoritaria delle anime dalle mani linde e il cuore cristallino della sinistra era una delle incognite di queste elezioni, messe in conto dai politologi. “Il non voto è … Continua a leggere

Elena Basescu, la Paris Hilton romena

E’ stata chiamata la Barbie romena a Bruxelles e ribattezzata la Paris Hilton di Bucarest. Certo la figura del padre è ingombrante: si tratta del presidente della Romania Traian Basescu. Ma per le elezioni europee lei, Elena, ha deciso di essere solo “Una 28enne che “si sente davvero cittadina europea” e che se verrà eletta “vuole tradurre il linguaggio delle … Continua a leggere

L’eterno ritorno di Prodi

Romano Prodi è come un totem per il centrosinistra. Davvero a 70 anni  è ancora l’unico a poter battere Berlusconi? I sinceri democratici  gli sono devoti. Perfino i nemici riconoscono l’onore delle armi del “Mortadella”. Cadde con voto di fiducia il 24 gennaio 2008. Politicamente un secolo fa, c’era ancora l’Unione. In realtà, come ha ricordato, nell’ospitata da Fabio Fazio, … Continua a leggere

Franceschini e la realpolitik

Non è incensato sicuramente dalla corte dei miracoli che osannò Walter Veltroni, ma il nuovo corso “realpolitik” di Franceschini incassa  simpatie, specularmente alle preoccupazioni del premier.  «Con quella faccia da bravo ragazzo in tv funziona», Berlusconi dixit. Dieci giorni non sono un tempo sufficiente per tracciare un bilancio compiuto. L’ultimo rilevamento demoscopico di Ipr relega il Pd a un “misero” 22%. … Continua a leggere

Porcata bis

In Parlamento è in corso il dibattito che accompagna l’approvazione della nuova legge elettorale per le elezioni europee proposta dalla maggioranza al governo. I punti in discussione sono due: le preferenze abolite e sostituite da liste bloccate come nelle ultime due tornate elettorali, la soglia di sbarramento per i partiti, che nel passato regolamento non era prevista e che ora consentirebbe l’elezione di europarlamentari solo di liste che hanno … Continua a leggere