Grillo, il morto che parla e la base che si arrabbia

Il leader M5S chiude a Bersani con un post che non piace a chi lo ha votato. Si scatenano i commenti: “Scegli tutto tu”; “Vogliamo essere interpellati”; “Da due giorni anche voi siete nostri dipendenti”. La petizione #GrilloDammiFiducia

(beppegrillo.it)
grillo,morto che parla,bersaniIl Cinquestelle di Beppe Grillo ha vinto le elezioni, non numericamente ma quasi. I giaguari non sono stati smacchiati, i tacchini non volano più sui tetti e i cani in braccio ai candidati non sono serviti. Ora, c’è da governare il Paese, semmai ci si riuscirà. E Grillo ha fatto, forse, la sua prima mossa sbagliata reagendo all’apertura di Bersani con il suo stile extraparlamentare. E la base del Cinquestelle non ha gradito. 

Come twitta Tommaso Labate: “Il blog di #Grillo è davvero libero. Infatti i commenti più votati al suo ultimo post sono tutti per la fiducia“. Del resto, sul 25% dei consensi avuti dal Cinquestelle alla Camera, c’è ovviamente gente che vuole che il Movimento controlli gli sprechi e le assurdità del Parlamento, come c’è chi finora ha votato diversamente e vuole delle risposte, di governo e non soltanto di rottura. Nonché di trasparenza. Che Grillo dovrà dare, senza continuare a insultare Bersani, Berlusconi, Monti e compagnia cantante, ma facendo delle proposte. 

Elezioni, i risultati: Camera Senato Regionali

Ecco alcuni stralci dei commenti più votati dopo il post di Grillo su Bersani “morto che parla” e “stalker della democrazia”. Si trovano, ovviamente, al link del post suddetto. Peraltro, cosa non da poco, a parte gli elettori di sono i parlamentari M5S neoeletti che, magari, voce in capitolo vorrebbero averla.

“se fanno il governo pd, pdl sarà peggio per tutti noi … alla fine le tasse le paghiamo noi !!!! e cosa volete andare a rivotare ancora dando la possibilità a berlusconi bersani bindi e casini di riproporsi??? un altro 30% ciascuno che serve solo a chi specula??? il pd è a nudo hanno già fatto capire che hanno intenzione di stilare un progetto a breve termine che soddisfi il movimento, dobbiamo approfittarne assolutamente!!!” (matteo M.)

“per votare le proposte bisogna prima che si dia la fiducia al governo….non facciamo cazzate…basterebbe un accordo tipo “ti votiamo la fiducia solo per fare tutte quelle riforme che servono tipo:legge elettorale; legge anti corruzione; conflitto di interessi; finanziamento ai partiti etc…ma per farlo serve sempre un governo…non facciamo i comunisti…” (domenico andria) 

“Scusa Beppe, senza polemizzare e senza volerti attaccare (tra l’altro ti ho votato), ma mi spieghi dove sta la “DEMOCRAZIA DELLA RETE”? A me pare che qui scegli tutto tu. Non potresti lanciare un sondaggio su come muoversi? Che so magari scopriresti che la maggioranza è per questa linea, però se tu lanci i tuoi strali dal blog e noi qui passivi, non capisco la differenza tra il M5S e i VECCHI PARTITI” (Patrick D.)

“Noi vi abbiamo votato e su questa decisione di non aprire al PD non siamo stati interpellati. Io non ho votato Beppe Grillo presidente ma ho votato per dei cittadini il cui compito è ora fare quella politica che i partiti non sono riusciti a fare. Non vi abbiamo mandato in parlamento per votare e basta come delle belle statuine. Ma per fare politica, il che comprende anche sedersi al tavolo con altre forze politiche o dare la fiducia ad un governo (che potrete sempre negare).Se non vi va e/o non siete capaci per cui ritenete di trincerarvi nel vostro angolo sicuro a “votare i provvedimenti” allora vorrà dire che la prossima volta VOTEREMO QUALCUN ALTRO. Ricordatevi che da due giorni anche voi siete nostri dipendenti” (Giambattista Martino)

“Capisco il voler tenere le proprie posizioni (che peraltro condivido in ottima parte), ma più volente che nolente il MoVimento è entrato a far parte della politica nazionale. Bersani ha ragione quando dice che il MoVimento deve assumersi le proprie responsabilità verso il paese. Adesso dovete cominciare ad agire da politici: dati i risultati delle elezioni, ragione e coscienza vogliono che entriate a far parte di un governo (insieme al PD) e che cominciate a lavorare in modo costruttivo per il paese” (Giuseppe M.)

In queste ore, inoltre, è nata la petizione #GrilloDammiFiducia lanciata da Viola Tesi, 24enne dichiaratamente elettrice del Cinquestelle, per chiedere a lui e ai parlamentari M5S eletti di dare la fiducia a un governo per cambiare l’Italia. La petizione ha già superato decine di migliaia di firme. Chissà se l’eco è giunta anche a S.Ilario. 

Chissà se, infine, se ne riesca a parlare seriamente nei luoghi dove si dovrebbe parlarne.  

Grillo, il morto che parla e la base che si arrabbiaultima modifica: 2013-02-27T16:33:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

35 pensieri su “Grillo, il morto che parla e la base che si arrabbia

  1. Anche se preferisco Bersani a Renzi, l’esito delle elezioni orienta per un governo Renzi-Grillo, basato sul programma M5S nelle parti che il PD può digerire. Il programma del PD non può essere assunto come base perchè era vago e inconsistente (rumori… ). Ci sono cose interessanti da prendere dagli altri; ad esempio: Melloni: ridimensionamento delle pensioni sopra i 3.500 euro non coperte da contributi effettivi; Giannino: pagare subito i debiti verso i fornitori, attraverso titoli garantiti dal patrimonio pubblico; Ingroia: alto commissariato d’inchiesta sui patrimoni non minimi che non trovano giustificazione nelle tasse pagate in precedenza; Maroni: doppia moneta (o titoli del debito pubblico equivalenti).
    Inoltre: bisogna far valere in Europa il fatto che ci hanno dato euro al cambio di 1936,27 mentre quello effettivo è meno di 1.300 euro (su molti beni è 1000).

  2. credo che gli italiani, con oltre 25% dei voti complessivi dati a M5S, abbiano espresso la loro volontà. Il M5S, primo partito, deve essere un partito che sta nella maggioranza di governo. Il PRIMO partito di maggioranza. Quindi, basta urlare ed insultare. Il nostro giudizio sulla vecchia classe politica è stato, con il voto, chiaro ed evidente. Basta, quindi, rimarcarlo ogni volta. Ora, quindi, bisogna solo FARE!!

  3. Prima o poi, le contraddizioni, all’interno del M5S, sarebbero saltate fuori.!!! Beppe Grillo non ha idea di che cosa sia la Politica.! Confonde il Governo del Paese con le fanfaronate sbrindellate in piazza, per far ridere, raccogliendo consensi e voti.! Ha paura di qualsiasi confronto e ritiene che il non dialogo possa indurre agli altri a genuflettersi ai suoi piedi, per continuare ad offenderli ed ingiuriarli.! Bersani l’ha detto chiaro.: “Ci dica cosa vuol fare.!” – E lui, per tutta risposta.: “Non vi daremo la fiducia.!” – “Grazie, Grillo.! Ritorneremo alle urne.!” – Se lui pensa di avere maggiori consensi, ritornando alle urne, è la volta giusta che sbaglia di grosso.! Dietro la porta ci sta ancora Berlusconi e questi ha bisogno soltanto di una spintarella per ritornare trionfante al Governo per restarci ancora per almeno altre due legislature, magari mandando il Paese nel profondo dell’inferno, senza ripetere qui quello che diciamo da sempre.!

  4. caro grillo.
    sono un amante della politica seria ,purtroppo son sempre stato visto non tanto bene proprio per il mio vedere le cose in un certo modo senza clientelismi . raccomandazioni, soldi pubblici sperperati e potrei continuare all’infinito..
    che dire… avanti con questo tsunami , attento. ti vedo un po spaventato,
    stai attento, cercano di mettertelo in quel posto..

  5. si agitano in molti non si sono resi conto che il vecchio modo di fare politica è finito grillo tieni duro non farti corrompere chiedi aiuto nelle piazze dove onesti lavoratori aspettano il cambiamento onestà sicurezza e lavoro questo rende orgogliosi gli uomini comuni ormai la realtà questi signori non la riconoscono più prima gli togliamo i privileggi che si sono procurati prima persone oneste potranno prenderne il posto forza movimento 5stelle teniamo duro questi sono i momenti più difficili non facciamoci dvidere…

  6. Io sinceramente non capisco come la gente che ha sostenuto Grillo, conoscendo le sue dichiarate idee e il suo atteggiamento di rottura con la vecchia classe politica, possano pretendere che voti la fiducia ad un governo che comunque vada sarà disastroso, bisogna apprezzare la sua coerenza e non aspettarsi nulla di tutto quello che avrebbe fatto un politico tradizionale e cioè sfruttare una situazione molto favorevole ma non per il paese per interessi esclusivamente di partito, perchè parliamoci chiaro a nessuno della vecchia classe politica interessa il bene del paese, i vari programmi sostenuti in campagna elettorale dopo le elezioni diventano carta straccia, a questo paese serve un governo fatto di una maggioranza univoca e solida è semplicemente inutile instaurare un’ alleanza tra partiti diametralmente opposti sarà sempre vacillante e non durerà più di 6 mesi cosa cambia se anzicchè votare fra 6 mesi ritorniamo alle urne domani e mostriamo per prima noi coerenza con le nostre intenzioni e idee politiche, in conclusione cosa penso di quello che sta succedendo oggi sullo scenario politico e che i grillini attaccano il loro leader e vogliono a tutti i costi entrare in parlamento a lavorare perchè fondamentalmente temono di non avere una seconda possibilità, tornando a votare molti italiani non avranno sicuramente la coerenza di rivotare il movimento 5 stelle, ma se avete fatto una campagna elettorale improntata sulla coerenza e onestà dovete dimostrarlo e non avere paura di niente…….

  7. Cari cittadini,lui non ha sbagliato,rivolgendosi cosi.Se mai hanno sbagliato gli altri,nei suoi confronti.Adesso tocca a noi votare Grillo se si va alle nuove elezioni,e tutti dico tutti quelli che ha nno votato Bersani e Berlusconi riflettano.Perche se Grillo e riuscito ad avere questi voti e perchè noi crediamo in un ITALIA migliore.Con ciò votanti PD…PDL,se cambiate voto del vostro partito non lo saprà nessuno.Rifacciamo un ITALIA migliore,con regole che questa gente inpari a vivere come vive un cittadino(FATICANDO)anche se loro non vogliono faticare ci sta bene,ma che si riducano gli oneri che sono stratoferici senza far nulla e noi paghiamo x loro.Se a GRILLO non lo ferma (………………………)cambierà l’ITALIA nel meglio dei modi

  8. Ora è il momento di smetterla con urla e sfasci, ora è il momento di costruire qualche cosa, ci sono punti importanti condivisi, legge elettorale, conflitto d’interesse, riduzione di costi ecc. facciamolo subito, altrimenti è prevedibile che non ci riusciremo più, questa volta la colpa sarà però chiara, sei il primo partito, ti hanno dato fiducia, non buttarla nel cestino!

  9. Non ho votato 5 stelle ma devo ammettere che l’occasione per raddrizzare l’Italia (e gli italiani!) è estremamente ghiotta! Pertanto invito tutti gi elettori 5** ad approfondire l’argomento “DEMARCHIA”, potrebbe essere estremamente interessante far coincidere le vostre idee con l’unico sistema elettorale democratico che garantisce l’assoluta impossibilità di interferenze da chicchessia. Un sistema antico eppure attualissimo; appoggiato e proposto anche da un signor costituzionalista: il Prof. Michele Ainis. Cercate charimenti su wikipedia. INTERESSANTISSIMO!!

  10. CONDIVIDO IN PIENO QUANTO DICONO TUTTI GLI ALTRI. AMMETTO CHE NON HO VOTATO GRILLO (I MIEI FIGLI SI’) PERCHE’ PENSAVO CHE LA PARTITA FOSSE SOLO TRA BERSANI E LO SHOWMEN BERLUSCONI E CHE VOI RAPPRESENTASTE SOLO UN VOTO DI PROTESTA SENZA POSSIBILITA’ DI ALTERNATIVA. ANCH’IO COME TANTI SONO DISGUSTATO DA QUESTI PAGLIACCI, MA ORA IL MOVIMENTO HA UNA GRANDE CHANCE: QUELLA DI IMPORRE DEI CAMBIAMENTI DRASTICI NEL NOSTRO PAESE E DIMOSTRARE CHE NON E’ SOLO PROTESTA MA ANCHE PROPOSTA. COSI’ LA PROSSIMA VOLTA AVRETE LA MAGGIORANZA ASSOLUTA DAL POPOLO PERCHE’ COME NOI CHE SEGUIREMO I CONSIGLI DEI NOSTRI FIGLI TANTI ALTRI LO FARANNO SENZA PIU’ SE E SENZA MA.

  11. Ma quale base che si lamenta, i commenti contro Grillo sono degli infiltrati pro-PD,e infatti noi grillini ce la ridiamo visto che la priorità e’ far fuori il marciume che ha messo in ginocchio il paese,e non per sostenerlo permettendogli di ripulirsi l’immagine e continuare a rubare !!! Siete ridicoli !!!

  12. caro grillo la tecnica dell’insulto continuo fa pena oltre pensare che non abbia capacità di discutere e di confrontarti. Non è un buon metodo in quanto ciascuno ha una propria visione delle cose e la mediazione ,come si usa anche nei rapporti personali , è l’unica via per fare le cose. Sono un cittadino arrabbiato con la classe politica ed amministrativa di questo paese ,ma non per questo mi pongo l’obiettivo di distruggere tutto avendo nell’immediato un danno certo. Mi piacerebbe che si ragionasse e si lottasse per cambiare usando però il buon senso e non l’invettiva fine a se stessa

  13. ..il Sig. Grillo non può continuare a fare politica offendendo ed ingiuriando. Io me ne fotto del blog e di tante altri marchingegni. Tanti hanno votato M5S per avviare una politica di sani principi e di interventi coerenti con il programma. Quindi Grillo non cerchi scuse e dia una mano per affrontare i problemi. e poi cominci a pensare che un solo uomo al comando puzza troppo di megalomania e di istinti non democratici. Se poi ha altre intenzioni cominci ad armare le sue truppe e faccia la sua rivoluzione cruenta. Buona fede a tutti ma tutti si devono convincere che non tutti staranno con le mani in mano di fronte a tanta volgare irrazionalità.

  14. La campagna elettorale è finita e con gli insulti non si va da nessuna parte. Il partito di Bersani ha avuto la maggioranza relativa ed è giusto che sia lui a tentare di formare il governo. Grillo ha avuto un successo strepitoso ma non è riuscito a vincere numericamente. Chi ha votato il M5S lo ha fatto per trovare con urgenza dei rimedi ai gravi problemi del paese. Molte delle cose che dice Grillo erano già nel programma del Pd ( diminuzione del numero della province, diminuzione del numero dei parlamentari, nuova legge elettorale, riduzione del cuneo fiscale, moralizzazione della politica e su altre si può trovare un compromesso per il bene di tutti. Si deve dimezzare lo stipendio dei parlamentari, dei consiglieri regionali, tagliare tutti gli stipendi degli alti burocrati, dei dirigenti rai, dei magistrati e di tutti coloro che superano i centomila euro annui e si deve mettere un tetto alle pensioni d’oro. Sono tutte cose ragionevoli che possono essere realizzate senza sfasciare ulteriormente il paese. Si ricordi Grillo che molta gente non arriva a fine mese, dalla gente si leva un grido di dolore come non si era mai sentito dai tempi della guerra, la smetta di giocare sulla pelle degli italiani e sfrutti questa opportunità per migliorare il paese. Il parlamento è in gran parte rinnovato con tanti giovani e tante donne che devono poter lavorare, le agenzie di rating stanno per degradare il paese e se ciò avvenisse sarebbero i più poveri a farne le spese. Date le varie scadenze è impossibile andare subito al voto, quindi Grillo dica subito qualcosa di ragionevole che calmi la speculazione e dia speranza al paese, altrimenti alle prossime elezione è meglio che non si presenti più.

  15. Qui nessuno si è reso conto di un fattore molto rilevante, che ad oggi dipendiamo molto dall’europa(purtroppo non siamo l’Inghilterra). Nel bene o nel male sarà l’europa a decidere cosa fare(vedi governo Monti), quali tasse alzare e quali no, pena ritorsioni in borsa e sui mercati (vedi i primi due giorni del dopo voto con lo spread che sale e milano che cade in giu’, intravista la futura instabilità del prossimo governo). Non conta chi ma quanto è stabile un governo per avere degli investitori stranieri interessati ad investire in Italia. Abbiamo già visto la fine che hanno fatto sia il governo Berlusconi e sia il governo Prodi, spazzati via dai mercati europei quando hanno iniziato a vacillare.
    Grillo avrà pure le sue ragioni ad essere antieuroperista, ma di fatto siamo all’interno di un sistema economico e finaziario che dipende dagli altri stati membri.
    Serve unicamente governo stabile a partire da una legge elettorale che crei queste condizioni. Troppi partiti = troppa instabilità.
    Ricordo che in campagana elettorale sono stati presentati al Ministero oltre 200 simboli di partiti.
    Chiunque governi in queste condizioni significa solo salire per arraffare qualcosa per se.

  16. ritengo che Grillo dovrebbe trattare con Bersani sui temi comuni delle loro rispettive agende,sia per evitare un ritorno del berlusca che per dimostrare che oltre alla protesta c’è anche la voglia di costruire qualcosa e di mettersi a cambiare le cose insieme. Del resto se si vuole fare bisogna andare in parlamento,proporre,esporsi, non diventare come loro ma stare in mezzo a loro per dimostrare che si può essere onesti e capaci anche se si è al potere.Insultare non serve più,io penso,si dà solo l’impressione di non essere all’altezza del compito e le elezioni anticipate sono uno spreco di moltissimi soldi con il rischio di trovarsi in una situazione peggiore. anna/27.02.2013

  17. “Bersani fa parte di quel sistema basato sulla kasta che va distrutto, nessun dialogo é possibile con questa gente che ci ha completamente derubato.
    Beppe vai avanti così, accetta solo le proposte di riduzione dei politici in parlamento, nelle regioni, riduzione vera degli stipendi,soppressione delle provincie, accorpamento delle regioni. Via la classe sindacale che non serve a niente.
    Vogliamo lo sviluppo del trasporto collettivo su rotaia, fermare completamente la speculazione edilizia che ha distrutto l’Italia. Si alla raccolta differenziata.
    Ciao.

    Gianfranco Lelmi”

  18. Purtroppo il limite intellettuale di Grillo è questo: fare teatro su cose serie ed offendere. Non è diverso dai Bossi, Formigoni ecc che hanno fatto della volgarità il loro credo.
    Speriamo che si ravveda, rinsavisca, non faccia il demagogo e forte del successo elettorale dia una svolta al Paese: rispettando tutti.

  19. Ed ecco che cominciano le correnti interne al M5S, rimaste opportunisticamente latenti sino ad ora. Con la vittoria elettorale pero’ gli eletti vogliono poter dire la loro e sicuramente vogliono potersene fare e dare merito e vanto, ma se Grillo mette tutti sotto il tappeto tra poco la stanza sarà piena di acari grossi come tartarughe. hehehe vedremo come andrà a finire.

    Io dico che Grillo ha ragione come metodo, ci vuole una sola testa che decida, sicuramente ascoltando le altre, ma la decisione spetta a uno altrimenti cominciano i compromessi alla vecchia maniera. Forse è un po’ troppo burbero, da baraccone, ma alla fine ha ragione.
    Il M5S non si deve lasciare invischiare, dev’essere l’imparziale ago della bilancia, votare cio’ che serve e bocciare cio’ che non serve. Poi è ovvio che debba fare anche delle proposte per lo sviluppo e per il lavoro, per la sanità, per la scuola, per il turismo eccetera, ma sono discorsi che arrivano in corso d’opera.
    E non dimenticate che Grillo ha fondamentalmente una mentalità comunista e ambientalista a oltranza, che sarà un grosso problema, come lo fu con Pecoraro Scanio.

  20. caro grillo sono del movimento e comincio anche a rompermi i coglioni di tutte le ca…..degli ultimi giorni il voto lo habbiamo dato per raggiungere degli obbiettivi.adesso che possiamo raggiungerli mettiamo 10000 coglionate per perderli a me non interessa un bel ca……col pd senza pd importante e’ non perdere questa grande opportunita’ per raggiungere quello che si avevamo prefissato .
    vedo che dentro il movimento c’e’ tanta gente che di politica non capisce un ca…..dati una mossa e fai lavorare la gente che abbiamo mandato a roma per portare avanti i punti del programma.finitela a sbraitare e gia’ che siamo li con i nostri, facciamo qualcosa per dimostrare che sappiamo anche governare.
    caro grillo se poi non ci fidiamo dei nostri e’ inutile andare a cianciare e sbraitare per le piazze.e’ adesso il momento di dimostrare che siamo capaci di governare,e non dobbiamo tirarci indietro proprio adesso che la gente ci ha dato questo mandato.caro grillo noi non possimo dire andate avanti voi perche’ a noi ci scappa da ridere.

  21. no no e poi no. Grillo non deve allearsi con il PD. il PD è un partito che non ha più ideali di sinistra e cosa ancora più grave non fa più niente per inseguirli. il PD sembra solo interessato a ricevere i benefici e gli stipendi per i parlamentari per poi governare con calma piatta, cosi come ha già fatto nelle scorse legislature. Il Pd non ha mai contrastato berlusconi con leggi contro il conflitto di interesse, o a favore della magistratura o per contrastare depenalizzazione di reati in cui era coinvolto silvio berlusconi. anzi si è fatto amico berlusconi. insomma il PD ha comprato una vocale: la L. E poi c’è da non dimenticare che il PD che ha condotto una memorabile catastrofica campagna elettorale perdendo 10% di voti in 20 giorni. e’ ora che vada a casa. E’ ora che non continuino a sperperare i nostri soldi per intascarli nelle loro tasche. E’ ora che i parlamentari ricevano stipendi normali di 2000 euro. Perché è uno schiaffo per tutti i cittadini che pagando le tasse le vedono rubate da costoro! Basta! Oggi chi incarna gli ideali di sinistra che il PD ha ormai perduto è Grillo: salvaguardia dell’ambiente, contrasto alle grandi opere invasive, tutela del territorio. Grillo è la nuova sinistra!

  22. e’ molto meglio un morto che cammina ma che ama il suo Paese e cerca nonostante i suoi limiti di far andare la barca che un buffone prestato alla politica che spara cazzate e non costruisce.La campagna elettorale è finita è ora che il M5S si assuma le sue responsabilità visto che può andare al governo e ha la possibilità di applicare le sue teorie;siccome da solo non è possibile si accordi con chi lo asseconda nel programma e vada avanti!!!Basta parolacce ed insulti!!!Se continua così saremo costretti a definire Grillo per quello che, è che è stato e che continuerà ad essere solo un BUFFONE che con questo sistema ha fatto i soldi ed ha commesso qualche errore di troppo !!!!!!!!!!!!!!

  23. tutte balle. non c’è nessuna rivoluzione nella base del M5S. Sono i delusi del risultato del PD che scassano le mandorle. Chi ha votato M5S sapeva benissimo che non avrebbero accettato nessun accordo o alleanza, ma tutti fingono a cominciare dai giornalisti che hanno tutto l’interesse ad amplificare ciò che fà comodo loro……..

  24. Grillo tieni duro non ti fare inbavagliare dalla casta ladrona,la rovina dell’Italia non fare inciuci e accordi sotto banco sono MORTI e devono andare a casa ma gli dobbiamo togliere il maltoto e i privilegi anche ai pesionati.ti saluto un tuo sostenitore pensionato che vive male

Lascia un commento