“Se il Paese non è pronto”: i perché dell’ultimatum di Monti

Il premier “pronto a lasciare”: un bluff, una dicharazione arrogante, un tentativo di mettere le mani avanti? Forse tutte e tre le cose

SONDAGGIO Sei d’accordo con l’affermazione di Monti?

monti,ultimatum,riforma lavoroIl professore mostra le bacchettate agli alunni. Mario Monti cita Andreotti, dice che non tira a campare e che “se il Paese non è pronto, potremmo anche lasciare“. Un bluff? Una dichiarazione di arroganza? Un mettere le mani avanti? Forse tutte e tre le cose. Vediamole una per volta.

Il bluff. Monti potrebbe soltanto aver voluto gettare un sasso nello stagno per vedere l’effetto che fa sui partiti, che se da una parte lo tirano per la giacca, dall’altra cercano di prendersi un po’di spazio. Di certo stanno reagendo: nel Pd, Pigi Bersani sta incredibilmente riuscendo a compattare il partito sulla questione lavoro e rispetto alla frase di Monti è conciliante e fiducioso che il Parlamento metta a punto il testo sulla riforma del lavoro. Ancor più serena di lui Susanna Camusso. Angelino Alfano e il Pdl difendono l’ultimatum di Monti. Pierferdi Casini, che a gettare sassi nello stagno è più bravo del premier, si erge a mediatore. Vedremo il seguito della trama.

L’arroganza. Dicendo addirittura “se il Paese non è pronto”, Monti non dà prova di umiltà. Gli stessi nomi dei decreti, “salva Italia” e “cresci Italia” (ma non fanno tanto Forza Italia, che Berlusconi continua – giustamente – ad amare?) ricordano un po’ la sindrome da “unto del Signore”. Va bene lo spirito di servizio che ha dichiarato Monti nell’atto di intraprendere questa missione complessa, ma stavolta non avrà un tantino esagerato? Il Paese potebbe anche non essere pronto, ma metà potrebbe prontamente desiderare di cacciare Supermario. 

Le mani avanti. Jacopo Iacoboni, su La Stampa, scrive un commento interessante sul tema: “Per ora è un dubbio, ma non è che Monti si stia leggermente italianizzando?”, citando la tendenza a dare la colpa ad altri tipica dei nostri ex premier: “Se nascevano polemiche nella maggioranza la colpa era sempre dei “partiti minori”. “Se la Finanziaria non viene approvata dall’aula non è colpa mia ma degli alleati”, diceva il Berlusconi dell’autunno 2005; “se i ddl non vengono approvati dall’aula non è colpa mia”, diceva il Romano Prodi del maggio 2007″. Seppure Monti sembra abbia poco in comune con entrambi, l’analisi di Iacoboni gioca sulla famosa “assunzione di responsabilità” che il premier ha da sempre sbandierato e che ora sembra venir meno. Il re, insomma, ha provato a giocare d’azzardo, ma potrebbe a sorpresa essere anche nudo.

“Se il Paese non è pronto”: i perché dell’ultimatum di Montiultima modifica: 2012-03-27T12:08:40+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

26 pensieri su ““Se il Paese non è pronto”: i perché dell’ultimatum di Monti

  1. Forte con i deboli e deboli con i forti…
    E’ una vecchia storia!!!
    Si dice certo che Monti aveva messo sotto scacco nientemeno che Bill Gates monopolista!!
    Certo, ma soltanto per regolare la concorenza su: GLI SQUALI dell’economia, in una logica MONOPOLI/OLIGOPOLISTICA!!!
    Poi, che ha studiato con James Tobin…certo,ma perchè, dal padre della Tobin-Tax, Monti non riesce, poi, a contrattare, a livello europeo, quel minimo per, vagamente, regolare i mercati finanziari???
    Certo…non si possono chiedere i miracoli!!!
    La superficialita’ di Monti….pero’,mi sembra quella di poter convincere i POTENZIALI investitori stranieri nel suo attuale viaggio in ORIENTE!!!
    Certo, è in linea con alcune scelte politiche neo-statunitensi, ma, non facciamo i soliti provincilaotti…
    l’Italia non sono gli USA!!!
    Cio’ che suggerirei a Monti è, un bagno di umilta’, come capo del governo, ovvio, non alla sua persona!!!
    E, come nell’immediato dopoguerra, De Gasperi, che aveva il senso dello stato, ando’ negli USA col cappello in mano,vada,
    anche lui, col cappello in mano, ma non tanto nell’estremo oriente, che sono lontani, ma non sono stupidi ad investire
    i loro capitali nel paese della Mafia; della DISORGANIZZAZIONE dell’intero stato Pubblico/Privato.
    Offriamo almeno la TESTA dei soliti noti
    che, specialmente negli ultimi 20 anni ci hanno ridotto ad un popolo non piu’ patria
    di Dante o Leonardo o Gramsci, ma popolo di Papponi,Pedofili e Mazzettari!!!
    Dopo il fascismo offrimmo la testa di Benito Mussolini; dopo i governi DC-PSI abbiamo offerto la testa di Craxi e disintegrato la Balena Bianca…
    Oggi che cosa offriamo???
    Un po’ di salari piu’bassi e pensioni piu’ da fame???
    E la DISORGANIZZAZIONE dello STATO con i nuovi MARIUOLI che hanno SCORRIBBANDATO su tutto il territorio nazionale per tutti questi anni…come la vendiamo all’ESTERO???
    Che garanzie OFFRIAMO ai potenziali INVESTITORI???
    Il vecchio detto napoletano:
    cca nisciuno è fesso, è ben noto in tutto il mondo!!!
    Ergo,…PRAGMATICAMENTE, se vuoi qualcosa dall’estero…devi offrire MOLTO di piu’ di
    quello che si vede in SUPERFICIE!!!
    Bisogna incidere, non su salari e stipendi,
    che, mantenuti piu’ alti servono a RILANCIARE la domanda, ma proprio su UNA NUOVA PROPOSIZIONE ORGANIZZATIVA di tutto
    l’apparato BUROCRATICO e non solo…
    Come???
    Rivolgendoci ai “fratelli” EUROPEI come i TEDESCHI soprattutto e, con loro, negoziare la RISTRUTTURAZIONE di tutti gli anelli deboli del paese, che sono senz’altro presenti qui al sud SOPRATTUTTO!!!
    Vecchia – Questione MERIDIONALE-!!!
    I fratelli TEDESCHI hanno rsolto la loro :
    Germania/ovest-Germania/est, con grande MAESTRIA in poco piu’ di un DECENNIO!!!
    Quindi un BAGNO DI UMILTA’!!!
    E’necessario se si AMA,ma PROFONDAMENTE, questo MALEDETTO STIVALE!!!
    STATISTI.. e non venditori di LAMETTE come lo è stato IL SOLITO MAFIOSO: Silvio Berlusconi!!!
    Togliamo a questo MISERABILE e alla sua CIURMA tutto quanto
    gli abbiamo concesso, facendo la figura dei CRETINI anche agli occhi dei Cinesi – Coreani – Indiani…
    Allora si’… che gli investimenti potrebbero ARRIVARE anche da quei paesi!!!
    Cca nisciuno è fesso!!!!

  2. Se un uomo avesse un’agnellina che mangiasse il suo pane, bevesse nella sua tazza e riposasse sul suo petto e poi, per errore, la portasse al macello, non si dorrebbe di quello sbaglio sanguinoso quanto io mi dolgo di aver votato per Bersani. MAI PIU’.

  3. Poche settimane fa “Occupy Wall Street” ha “festeggiato” i suoi sei mesi di vita. Il movimento nato a New York con l’occupazione di Zuccoti Park.

    Loro sono la continuazione americana di quel grande movimento globale degli indignados che, nel 2011, ha portato sulla scena planetaria la contestazione dei giovani, e non solo, nei confronti delle grandi ingiustizie economiche e politiche.

    Il 2011 è stato l’anno della grande recessione. Così come all’inizio del secolo scorso, il ‘29, Wall Street è stato l’epicentro della crisi. Ed è proprio nel cuore dell’impero della speculazione mondiale che nasce il movimento di contestazione al “grande freddo” della crisi. Riccardo Staglianò, un bravo giornalista di Repubblica, con questo reportage, frutto di una settimana vissuta all’interno del movimento, ci porta a rivivere le azioni, veri e propri blitz, i valori di Occupy Wall Street. Pubblicato dalla casa editrice Chiarelettere sono 150 intense pagine che si leggono di un fiato.

    “Noi paghiamo il prezzo dei loro misfatti. Viviamo in un sistema che socializza le perdite e privatizza i guadagni. Questo non è capitalismo. E’ economia distorta. “. Così il premio Nobel per l’economia Joseph Stigliz, uno dei punti di riferimento del movimento, pone la dinamica centrale del sistema “distorto”. Contro questa distorsione, forse però non si tratta solo di una “distorsione”, si scagliano le azioni, tutte non violente, del movimento. Ed ecco che i suoi “happening” colpiscono per l’efficacia comunicativa. Divertente come quella degli aereoplanini di carta e i palloncini davanti alle sedi delle grandi banche d’affari come Goldman Sachs e Morgan Stanley.

    Si configura come un movimento senza leader e senza una stabile organizzazione ,tra i suoi “inventori” troviamo gente come Vlad Teichberg, un trader passato dalla parte degli “indignados” americani, creatore di Revolution Tv,l’antropologo David Graeber, Marina Sitrin, avvocato “ideologa” della democrazia diretta (tutte le azioni del movimento sono prese all’unanimità, per loro il “consenso” deve essere “generale”). Ed altri ancora. Molti vengono dalla “middle class” sempre più impoverita, dagli studenti che hanno fatto mutui per pagarsi gli studi (il mutuo per l’università ti costa come quattro Bmw e non ti porta da nessuna parte: “una zavorra mortale”), intellettuali della sinistra americana, pastori e preti ecc. Come ogni movimento americano c’è una alta dose di pragmatismo insieme a forti radicalismi. Insomma quello che appare è, come scrive Giancarlo Bosetti, una “ideologia open source”. Proprio come il software informatico si arricchisce di molti contributi, una apertura massima a chi ha qualcosa di intelligente da dire ma, soprattutto, da proporre come azione collettiva.

    “La cosa che ci rende speciali non quello contro cui lottiamo, ma quello di cui siamo a favore: uguaglianza, unità, rispetto reciproco. Elementi fondamentali del nuovo sistema umano che vogliamo costruire” così Vlad Teicheberg esponeva il principio base di “Occupy Wall Street”. Ed è la chiave globale che propone il movimento: “Siamo ad un bivio simile a quello che si presentò all’impero romano. Con sempre meno risorse vogliamo farci la guerra per accaparrarcele o vogliamo trovare il modo di avere una conversazione su come spartirle? Il movimento tratta di questo, del mutuo rispetto. Se anche l’umanità l’adotterà, eviterà il peggio. Si può discutere se l’assemblea generale sia gestita bene o male, ma l’idea di una conversazione tra eguali è indubitabile. L’empatia, l’onestà, il desiderio di provarlo a farlo è ciò che unisce tutti”. Utopia? No è realismo! Intanto questo movimento detterà l’agenda alle prossime elezioni presidenziali americane, lo stesso Obama ha lanciato messaggi di attenzione verso “Occupy”. E’ questo è importante per l’America. Per questo “non potete sfrattare l’idea in cui il tempo è arrivato”, lo slogan su cui scommette per il suo futuro “Occupy Wall Street” e chissà se davvero non ci riserverà piacevoli sorprese.

  4. “Se il Paese non è pronto, potremmo anche lasciare”.! L’espressione è sibillina, ma se il suo siginificato è quello di.: “Se non vi piace quello che faccio, sono pronto ad andarmene.!” è una frase che avrebbe detto chiunque altro al suo posto.! E non possiamo dire che, con parole diverse, non sia stato chiaro fin dal principio.! Non è, né bluff, quindi, e né arroganza, ma semplicemente un modo come un altro per dire.: “Io posso soltanto fare delle proposte, dettate dalla mia lunga esperienza, ma tocca poi al Parlamento e, per esso, ai Partiti che sono d’accordo, a dire l’ultima parola.!” – A rigore, Monti ed i Ministri interessati, e particolarmente la Fornero, non avrebbero dovuto discutere con nessuno, Parti Sociali compresi, ma recepire “indirettamente” le indicazioni provenienti da ogni parte, formulare un disegno di legge e portarlo al Parlamento per la discussione e approvazione, accettando il responso della votazione.! Si perderebbe meno tempo e qualcosa si potrebbe pure ottenere.! Soltanto così si riconoscerebbe il significato di “Governo Tecnico” e di “Sovranità del Parlamento” e si apprezzerebbe di più l’operato di Monti.!

  5. Caro Monti non credo che in Italia ci sia solo tu all’altezza di salvare la patria,ma come la stai salvando tu non è certo il meglio che la popolazione auspicava.Ti sei scordato dell’equità quindi puoi anche toglierti dai maroni con la speranza che il prossimo faccia le cose in maniera equa.Capisco che i guai non arrivano mai da soli e si dice non c’è due senza tre,su questo siamo vaccinati perchè abbiamo avuto Berlusconi&Bossi e Monti,quindi il prossimo sarà il quarto.

  6. Offriamo almeno la TESTA dei soliti noti
    che, specialmente negli ultimi 20 anni ci hanno ridotto ad un popolo non piu’ patria di Dante o Leonardo o Gramsci, ma popolo di Papponi,Pedofili e Mazzettari!!! (Parascandolo)
    __________________________________

    Concettualmente sono d’accordo, i polkitici sono la nostra rovina. Tu pero’ perdi il pelo, ma non il vizio di avere sempre e solo una visione univoca cieca e arrogante della politica degli ultimi 30 anni e lasci sottintendere chiaramente che la cicuta sia stata solo a destra.

    Ti ricordo inutilmente, tanto farai orecchie da mercante e poi personalizzerai il tuo post e insulterai tutti, che prima della seconda repubblica c’era il CAF e poi il pentapartito dove comunque il governo se la foveva vedere con i veti del PCI pur non essendo partito di governo.

    Dopo, con la seconda repubblica, si sono avvicendate al governo le forze sia di centrodestra che di centrosinistra per esattamente un pari numero di anni (8.5). Allora apri la mente alla realtà dei fatti e non essere sempre il solito fazioso e ormai ridicolo.

    Arieccolooooooooooooooo er pagliaccioooooooooooooo

  7. SONO ASSOLUTAMENTE D’ACCORDO A RIFORMARE L’ARTICOLO 18 PERCHE’ COSI’ (FORSE) SI COMINCEREBBE A MANDARE A CASA QUALCHE CENTINAIA DI MIGLIAIA DI FANNULLONI CHE HANNO IL POSTO FISSO SOLO GRAZIE ALLE RACCOMANDAZIONI E NON SOLO NON PRODUCONO NULLA IN QUANTO PRIVI DI ALCUNA ABILITA’ PROFESSIONALE, MA CREANO ALTRESì UN DANNO ENORME A COLORO CHE PUR ESSENDO MERITEVOLI, SONO SEMPRE STATI ESCLUSI DAL MONDO DEL LAVORO O COMUNQUE SFRUTTATI CON CONTRATTI PRECARI DA 500-600 EURO AL MESE, PUR ESSENDOSI FATTI IL MAZZO ALL’UNIVERSITA’ ED AVENDO INVESTITO PARTE DELLA LORO GIOVINEZZA A PREPARARSI. L’ITALIA DEVE FARCELA A SCONFIGGERE QUESTO CANCRO, PERCHE’ E’ UN PAESE PIENO DI TALENTI NON RICONOSCIUTI. INFINE -LAST BUT NOT LEAST- CHI E’ CONSAPEVOLE DI LAVORARE BENE E PRODURRE NON HA NULLA DA TEMERE PERCHE’ NESSUNO LO LICENZIERA’. IL FATTO CHE L’ARGOMENTO ART.18 CREI COSI’ TANTI MALUMORI DIMOSTRA CHE TOCCA IL NERVO SCOPERTO DI COLORO I QUALI, CONSAPEVOLI DI OCCUPARE UN POSTO FISSO SENZA MERITO, TEMONO DI VEDER SPARIRE IL PRIVILEGIO A CUI SONO ABITUATI. PAROLA DI PRECARIO 40ENNE (DA QUANDO NE AVEVO 25). FORZA MONTI CE LA DEVI FARE PER LE FUTURE GENERAZIONI. CONTRIBUISCI A CAMBIARE QUESTO MARCIUME DEI PRIVILEGI INGIUSTIFICATI E FORSE UN GIORNO LA PAROLA MERITOCRAZIA IN ITALIA AVRA’ DI NUOVO UN SENSO.

  8. Ma certo…è ovvio…,tu inveci dimentichi che sono sempre stato
    radicale nella mia critica…anche contro il centro-sinistra!!!
    Perché???
    Perché…in nome del vecchio slogan tutto di sinistra: come mai… come mai… sempre in culo agli operai…d’ora in poi …il potere…ce lo prenderemo noi!!!
    Ho sempreparlato di meno peggio!!!
    Le conquiste operaie si sono avute con un forte PCI e la questione morale era il cavallo di Battaglia di Enrico Berlinguer che,in buona sostanza, prendeva da Antonio Gramsci…
    Studia!!!
    Fazioso???
    Certo che lo sono!!!
    Tu invece sei “platonicamente” non di parte???
    STRONZATE che vengono da un OBSOLETO modo di essere di CENTRO!!!!
    Aggiornati!!!!

  9. Ho sempre parlato di meno peggio!!!
    Le conquiste operaie si sono avute con un forte PCI e la questione morale era il cavallo di Battaglia di Enrico Berlinguer che,in buona !!!!
    Scritto da: Giuseppe Parascandolo | 27.03.2012
    ___________________________________

    Ma se mi hai sempre rimproverato di parlare del meno peggio e ora te ne fai un casvallo di battaglia ! Ma sei fuori ?

    Questione morale …..PCI……Berlinguer…….e tu credi ancora nelle favole che il PCI e Berlinguer fossero angioletti e non fossero a conoscenza e soprattutto partecipi delle porcate politiche, dei soldi truffa a TUTTI i partiti politici, agli sporchi guadagni personali e ai mille inciuci ? Lo fai per partito preso vero ? Dimmi che è cosi ! Por favor !

    Tu litighi anche con te stesso davanti allo specchio perchè non hai la coscienza del sè e piu’ urli e piu’ fai le facce brutte, piu’ ti arrabbi vedendo quell’uomo di Neanderthal che ti sta davanti e che si permette di urlarti contro e di farti le facciacce.

  10. Marco, parole sacrosante. Non per essere cattivi o classisti, ma per rimettere finalmente il carro in carreggiata.

    In Svizzera non esiste nessuna protezionismo tipo art. 18. Ti possono liberamente licenziare con 8 giorni di preavviso. Lo si sa e si lavora seriamente. Se lavori cosi’ non hai assolutamente nulla da temere, ma se fai il lavativo hai chiuso. Dura lex sed lex.

  11. Tu litighi anche con te stesso davanti allo specchio perchè non hai la coscienza del sè e piu’ urli e piu’ fai le facce brutte, piu’ ti arrabbi vedendo quell’uomo di Neanderthal che ti sta davanti e che si permette di urlarti contro e di farti le facciacce.

    Scritto da: Matteo | 27.03.2012

    FANTASTICO. ESTREMAMENTE SIGNIFICATIVO E FIGURATIVO. BRAVO !

  12. Copio-incollo da Internet:

    Lusi ai pm: i vertici della Margherita sapevano tutto
    L’ex tesoriere, indagato per appropriazione indebita di 18/20 milioni: ho risposto a tutto, si è parlato solo di conti
    Pubblicato il 28/03/12 da TMNews in Cronaca

    Roma, 28 mar. (TMNews) – “I vertici della Margherita sapevano”. Il senatore Luigi Lusi ha detto così agli inquirenti della procura di Roma nel corso dell’interrogatorio fiume reso nella giornata di ieri negli uffici di piazzale Clodio. L’ex tesoriere del partito centrista è indagato per l’appropriazione indebita di almeno 18/20 milioni di euro dalle casse della formazione politica. L’avvocato Titta Madia, legale della Margherita, appreso il tenore delle parole di Lusi, ha subito ribattuto: “Ritengo del tutto illogico che i leader sapessero e approvassero le ruberie ai loro danni. Se Lusi ha fatto queste dichiarazioni segue una linea difensiva del tutto irragionevole”.
    __________________________________

    Il legale della Margherita sta giocando una carta sbagliata e faziosa per addossare in toto la responsabilità a Lusi. Le ruberie non erano ai loro danni (i vertici del partito della Margherita), bensi ai danni dei cittadini italiani che hanno, con le loro tasse, finanziato il partito della Margherita e che poi loro (i leader) facevano illegalmente uscire dalle casse della Margherita per portarli all’estero su conti smistati poi mille volte e irrintracciabili e quindi intascarseli personalmente. Lapalissiano.

    Lusi è stato un mero esecutore e sicuramente ha avuto sicuramente la sua parte del malloppo. Ora sta giustamente macellando i vertici del partito probabilmente perchè non hanno voluto riservargli lo stesso trattamento economico faraonico e la stessa protezione dati a Greganti (il famoso compagno G) ai tempi di mani pulite. Lapalissiano.

    D’altronde non è ammissibile né credibile che da quando non esiste piu’ la Margherita e sono ormai anni, nessun leader abbia mai nemmeno pensato o proposto agli altri leader di guardare i conti e di decidere cosa farne di quei milioni inutilizzati. Lapalissiano.

    I vari corretti, onesti e ben pensanti della “questione morale” della Margherita (ex PCI, ex PDS, ex La Cosa, ex, ex, ex…) Prodi, D’Alema, Occhetto, Fassino, Bersani, Rosy Bindi, Franceschini, Letta e tutti gli altri la smettano di giocare alle pecorelle smarrite essendo ormai da anni anche loro stati scoperti e sbugiardati come il lupo cattivo.

    La mia paura è che quest’inchiesta sia ora stata pilotata verso i soliti giudici collusi, prezzolati e consenzienti. Vi stupirebbe ? A me assolutamente no, è esattamente quello che mi aspetto che avvenga. Tutto nel dimenticatoio per anni e silenzio assoluto, poi fra 10 anni l’assoluzione per tutti perchè il fatto non sussiste o per insufficenza di prove. Lapalissiano.

    Nel frattempo, per fuorviare l’attenzione del popolo bue, ci sarà una recrudescenza di accuse verso Berlusconi. Lapalissiano, ma anche loro dovrebbero essere messi al muro per un sacco di buone ragioni e lo dico io che li avevo votati…Sconsolante.

    E di Fini non se ne parla già piu’. Doveva dimettersi dopo che si era dimostrata la collusione con la sua compagna e con suo cognato per l’Affaire Montecarlo, ma se ne è guardato bene. Lapalissiano.

    E nel 2013 dobbiamo ri-votare questi? Ma non c’è un mezzo per impedire che si ripresentino ? Ad esempio per danni al patrimonio dello Stato visti gli sprechi, gli sperperi, i privilegi, le ruberie, le truffe eccetera perpetrati alle casse dello stato e a danno dei soldi delle tasse versate dai contribuenti ? Oltraggio alla Bandiera e cose del genere ? Per manifesta incompetenza e inettutudine aggravata da operazioni a favorire guadagni illeciti personali eccetera ? E parlo per TUTTI i politici !!!

  13. Il PCI non sapeva o non faceva???
    Ho detto cose molto diverse…ma tu ideologicamnete o non afferri…o preferisci
    appiattire!!!

    Sì il PCI riceveva danaro dall’URSS, come la DC ed altri dagli USA.
    Nessun partito fu, per questi finanziamenti, toccato da tangentopoli perchè non dimostrati. Furono verificati, invece, altri finanziamenti illeciti (tangenti) ai partiti.
    Il PCI, di regola, aveva un meccanismo di finanziamento illecito, che era coperto da persone che rischiavano in proprio per questo. Ma tali finanziamenti finivano nelle casse di quel partito.
    Invece in altri partiti (DC, PSI, PRI, PSDI) le persone trattenevano i soldi per se stessi, magari passandone pochini pochini al partito

  14. Infatti Graganti insegna che i soldi ai politici comunisti andavano già all’epoca del PCI.
    Dici che se rimanevano anche illegalmente nelle casse del partito allora andava bene?
    Che anche tutti gli altri partiti si tenessero i soldi lo sappiamo da quando è caduta la monarchia e tu me lo sottolinei saccentemente solo oggi? E’ come se tu mi sottolineassi saccentemente che quando piove la strada si bagna.
    Ma come si puo’ ragionare e portare avanti discorsi costruttivi con un disfattista e un limitato come te. Vai ad aiutare ninocasola a comperare il prosciutto che è meglio.

  15. Assolutamente no!!! Illegalmente nelle casse dei partiti!!!
    Ovvia banalita’!!!
    Il vecchio PCI si autofinanziava anche con
    un regolamento statutario interno che prevedeva che i POLITICI percipienti soldi all’interno delle itituzioni ne versavano circa la meta’ al partito!!!
    Ora…il PCI non era un partito di governo a livello centrale, al massimo governava nelle classiche regioni rosse o CONSOCIATIVAMENTE aveva incarichi di sottogoverno!!!
    Fino al 1984, anno della morte del GRANDE Enrico Berlinguer…il PCI era piuttosto
    corretto da un punto di vista morale e quando qualche anno prima venne lanciata la questione morale: lo si fece per due motivi fondamentali:
    1) i partiti, in genere, erano sempre piu’ trasformati in COMITATI di AFFARI e
    2) nel PCI spesso, pur avendo un suo controllo interno molto ATTENTO, c’erano componenti molto piu’ vicino al PSI : I MIGLIORISTI che, considerati l’ala piu’ a destra, spesso adottavano AZIONI di dubbia MORALITA’ ed io sostengo ed ho sostenuto,
    anche per tornaconti personali.
    Non a caso andai via e fui espulso anche per DISSENSI su scelte che, pur valide strategicamente in astratto, poi, in concreto,coprivano OPPORTUNISMI che poco avevano a che fare con un partito di ispirazione marxista-leninista.

  16. Parascandolo andolo endolo indolo ondolo undolo

    Giuseppe eppe appa ippe oppe uppe

    Pirla irla arla erla orla urla

    Tontolo olo alo elo ilo ulo

    Ottuso uso aso eso iso oso

    Trullallero ero aro iro oro uro

    Trullallà allà ellà illà ollà ullà

    E il prosciutto? utto? atto? etto? itto? otto?

    Non ho figli, ma è cosi’ che si fanno divertire i bambini ritardati vero?

    Domanda: Parascandolo dimmi qualcosa

    Risposta: TLAH

    Domanda: come?

    Risposta: TLLAHH

  17. Parascandolo andolo…………….piu’ intervieni e piu’ ti scavi la fossa. Ormai sei lo zimbello di tutti utti utti utti.
    Resta nella culla ulla ulla ulla a frignare are are are e a fare i capricci icci icci icci

    hahaha hahaha hahaha

  18. Domani… dimenticando che Berlusconi è un delinquente….lo voterai di nuovo!!!
    Tu non sei rancoroso!!!

    Scritto da: Giuseppe Parascandolo | 29.03.2012
    _______________________________

    Magari lo votero’ di nuovo seguendo la mia teoria che poi hai spudoratamente fatto tua (ma comunque contestandomela e solo tu puoi essere cosi’ contorto), del meno peggio.
    Come disse il grande Montanelli: turiamoci il naso e votiamo DC.

    Certo che sei proprio un Pirla irla arla erla orla urla

    Te le cerchi e le trovi avi evi ivi uvi.

  19. La tua teoria???
    Piccolino…io voto da qualche anno prima di te…quando iniziai ad appassionarmi alla politica…tu non eri ancora nato!!!
    Non ti smentisci mai!!!
    La tua presunzione è arrivata a 130!!!
    Hai trovato un tuo PLAGIATO!!!
    Siete gemelli di latte???
    Usate lo stesso fraseggio!!!
    Che creativita’!!!

  20. Avevo capito, in passato che stavi sotto i 50 anni!!!Io invece del 1954!!!
    La tua teoria???
    Non dire scemenze!!!
    Il meno peggio l’ho applicata fin da quando, non ancora elettore, mi ero schierato, nel mio paese a favore di un DEMOCRISTIANO perbene affinche’ venisse appoggiato dal PCI
    nel 1970 e in alternativa ad una DEMAGOGICA
    equidistanza del partito per favorire, in sostanza, l’ALLORA sindaco e speculatore edile, difeso da un noto avvocato amministrativista di Salerno del pci che
    dettava leggi nel partito!!!
    FIGURATI!!!
    Uno dei motivi della mia espulsione dal partito comunista E DELLA MIA, ANCHE, intollerabile permanenza al suo interno, fatto di tanti CARISSIIMI compagni. GRANDI E NOBILI LAVORATORI a cui sono LEGATISSIMO, ma anche di INSOPPORTABILI BUROCRATI!!!

  21. Anche Hitler la pensava diversamente!!!
    Trovava sano e giusto eliminare: prima gli omosessuali, i malati di mente e poi gli ebrei…
    e che… bisognava fare i liberali con un criminale come lui???
    Norimberga era forse un tribunale irrispettoso perchè Hitler la pensava diversamente!!!
    Piazzale Loreto offendeva un capo del governo italiano quale era stato Benito Mussolini che tanti disastri aveva determinato mentre i treni arrivavano in orario???
    E Silvio Berlusconi che ha fatto leggi ad personam ha corrotto mezzo mondo, ha negato crisi e come il suo predecessore:
    I CONTI SONO A POSTO … non dovremmo ELIMINARLO perchè fa’ le cene,
    paga Ferrara o Liguori o Scilipoti…
    e dovremmo avere, di questo AFFAMATORE DI POPOLO, rispetto perchè è IMPRENDITORE
    come lo sono i suoi colleghi: I CASALESI???
    Nemmeno i preti SERI quelli che ben interpretano la BIBBIA conividono queste SCIMITA’ buoniste!!!
    Dovremmo chiedere scusa a Bettino Craxi???
    Perchè i tribunali lo hanno condannato INGIUSTAMENTE???
    E a Marchionne… che se ne frega anche dei tribunali che impongono il reintegro dei tre operai FIOM che dobbiamo fare??? Portargli i fiori???
    Lo scontro è SOLTANTO inevitabile!!!
    Chi non puo’ piu’ MANGIARE e viene a razziare I TEMPLI dell’OPULENZA o i miliardari con ville e case …secondo il tuo PERBENISMO fuori moda sarebbero dei TERRORISTI???
    Anche qualche MAGNATE americano si accorto che la sua SEGRETARIA,
    grazie a Regan-Thatcher,paga piu’ tasse di
    lui!!!
    Ed io dovrei essere LIBERALE e rispettoso
    di questa BARBARIE???
    Tu li difendi!!!
    Ed io non dovrei arrivare allo scontro fiisico perchè pensi di essere ADULTO???
    Chi te lo ha detto che sei adulto???
    Lo SPECCHIO???

    Troppi errori nel precedente.

Lascia un commento