Rose rosse per te. Canta Martone, dirige Santanché

Il viceministro degli “sfigati” manda fiori a Daniela, unica ad averlo difeso

FOTO I politici “sfigati” laureati e non, da Bossi a D’Alema

martone,santanchè,sfigatiA San Valentino si inviano i fiori, ma non sempre al partner. Michel Martone, il viceministro che passerà alla storia per la sua frase sui laureati sfigati dopo i 28 anni, ha inviato un mazzo di fiori a Daniela Santanché, la “pasionaria” del centro destra che, fuori dal coro, lo ha difeso durante la trasmissione di Piero Chiambretti.

Per Santanché, Martone ha fatto bene: “Lo dico da persona impegnata in politica, ma anche da mamma: quello di Martone è stato un intervento educativo e ha fatto benissimo ad associare la parola “sfigati” a chi non studia, ai bulli e non a chi invece si impegna duramente”. Ed ecco che il buon Michel si è intenerito dalle parole di mamma Daniela e, come riporta il Corriere della Sera, per ringraziarla le ha fatto recapitare un mazzo di fiori accompagnato dal seguente biglietto: “Il coraggio è la virtù dei forti. Grazie“. Credevamo fosse la pazienza, ma forse nemmeno noi abbiamo studiato abbastanza.

Ciò non toglie che la “coppia” Martone-Santanché sia potenzialmente interessante. Stiamo assistendo a una delle tante mutazioni genetiche di Daniela? Lo scopriremo al prossimo mazzo di fiori.

Rose rosse per te. Canta Martone, dirige Santanchéultima modifica: 2012-02-14T10:36:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

56 pensieri su “Rose rosse per te. Canta Martone, dirige Santanché

  1. L’amico di Brunetta, il piu’ reazionario del governo,il pontiere col PD di Ichino, l’amichetto di Santanché…
    Siamo alla solita ommedia!!!
    Il figlio di papa’ ben protetto da quattro
    IMBECILLI e colonnelli del Mafioso Silvio Berlusconi!!!
    Sempre la stessa musica!!!
    Sto cretinetto vuole farsi passare per simpatico a me che sono un nemico storico
    della Borghesia Cialtrona che gli fa l’applauso???
    Piazzale Loreto anche per te piccolinio di papa’ e mamma in compagnia di Brunetta e Santanché!!!
    Sei contento???

  2. Bando a questi 4 cretini di cui è inutile OCCUPARSI!!!
    Sottopongo all’attenzione di tutti questo interessante articolo che mi proviene sulla posta elettronica ad opera di Stampa Alternativa su cui scrive anche l’economista Loretta Napoleoni e gestito con molta INTELLIGENZA da Giulietto Chiesa.
    Buona Lettura
    ===========================================
    La Germania problema d’Europa

    Scritto da Stefano Sylos Labini
    Lunedì 06 Febbraio 2012 22:46

    I tedeschi hanno il terrore che l’eccesso di debito pubblico spinga la Banca centrale europea a stampare grandi quantità di moneta che farebbe scoppiare l’inflazione. Per questo la Cancelliera Merkel, con la sua intransigenza sul risanamento dei bilanci dei paesi europei più in difficoltà e con la sua posizione contraria verso l’emissione degli Eurobond e verso gli acquisti di titoli del debito pubblico da parte della Bce, sta spingendo l’Europa in una pericolosa recessione e in una crisi di fiducia che potrebbero avere conseguenze devastanti. Ma i tedeschi, che hanno l’economia con la produttività più elevata d’Europa, dovrebbero ricordarsi di ciò che accadde dopo la prima guerra mondiale e di conseguenza dovrebbero essere più lungimiranti per evitare di ripetere gli stessi errori che loro furono costretti a subire.

    Lezioni di storia

    Il Trattato di Versailles fu imposto alla Germania con la minaccia dell’occupazione militare e del blocco economico. Il Trattato istituì una commissione che doveva determinare le esatte dimensioni delle riparazioni che dovevano essere pagate dalla Germania. Nel 1921, questa cifra fu ufficialmente stabilita in 33 miliardi di dollari. John Maynard Keynes criticò duramente il trattato: non prevedeva alcun piano di ripresa economica e l’atteggiamento punitivo e le sanzioni contro la Germania avrebbero provocato nuovi conflitti e instabilità, invece di garantire una pace duratura. Keynes espresse questa visione nel suo saggio The Economic Consequences of the Peace. I problemi economici che questi pagamenti comportarono sono spesso citati come la principale causa della fine della Repubblica di Weimar e dell’ascesa di Adolf Hitler, che inevitabilmente portò allo scoppio della seconda guerra mondiale.
    Quando Hitler andò al potere nel 1933 oltre 6 milioni di persone (il 20% della forza lavoro) erano disoccupate ed al limite della soglia della malnutrizione mentre la Germania era gravata da debiti esteri schiaccianti con delle riserve monetarie ridotte quasi a zero. Ma, tra il 1933 e il 1936, si realizzò uno dei più grandi miracoli economici della storia moderna, anche più significativo del tanto celebrato “New Deal” di F.D. Roosevelt. E non furono le industrie d’armamento ad assorbire la manodopera; i settori trainanti furono quello dell’edilizia, dell’automobile e della metallurgia. L’edilizia, grazie ai grandi progetti sui lavori pubblici e alla costruzione della rete autostradale, creò la maggiore occupazione (+209%), seguita dall’industria dell’automobile (+117%) e dalla metallurgia (+83%). Nel miracolo economico degli anni ’30 i nazionalsocialisti si erano creati una teoria monetaria che suonava pressappoco così: “le banconote si possono moltiplicare e spendere a volontà, purché si mantengano costanti i prezzi. Il solo motore necessario per questo meccanismo è la fiducia. Basta creare e mantenere questa fiducia, sia con la suggestione sia con la forza o con entrambe”.

    Baratto fra unità economiche

    Sorprendentemente, l’artefice del miracolo economico della Germania nazista fu un uomo di origini ebraiche, Hjalmar Schacht, Ministro dell’Economia e Presidente della Banca centrale del Reich. “Il dottor Schacht è inciampato per disperazione in qualcosa di nuovo che aveva in sé i germi di un buon accorgimento tecnico. L’accorgimento consisteva nel risolvere il problema eliminando l’uso di una moneta con valore internazionale e sostituendola con qualcosa che risultava un baratto, non però fra individui, bensì fra diverse unità economiche. In tal modo riuscì a tornare al carattere essenziale e allo scopo originario del commercio, sopprimendo l’apparato che avrebbe dovuto facilitarlo, ma che di fatto lo stava strangolando. Tale innovazione funzionò bene, straordinariamente bene, per coloro che l’avevano introdotta, e permise a una Germania impoverita di accumulare le riserve senza le quali non avrebbe potuto imbarcarsi nella guerra. Tuttavia, come osserva Henderson, il fatto che tale metodo sia stato usato a servizio del male non deve impedirci di vedere il vantaggio tecnico che offrirebbe al servizio di una buona causa”. (1)

    Per il commercio estero, Schacht ideò un ingegnoso sistema per trasformare gli acquisti di materie prime da altri paesi in commesse per l’industria tedesca: i fornitori erano pagati in moneta che poteva essere spesa soltanto per comprare merci fatte in Germania. Il meccanismo, di stimolo al settore manifatturiero, funzionava come un baratto: le materie prime importate erano pagate con prodotti finiti dell’industria nazionale, evitando così il peso dell’intermediazione finanziaria e fuoriuscite di capitali. Certamente, il protezionismo prima e l’autarchia in seguito crearono un mercato chiuso in cui tutta la realtà produttiva era indirizzata e finalizzata alla produzione di beni per lo stato e/o per il consumatore tedesco. Il controllo nazista dei cambi e dei commerci esteri dà alla politica economica tedesca una nuova libertà. Anzitutto, perché il valore interno del marco (il suo potere d’acquisto per i lavoratori) viene svincolato dal suo prezzo esterno, quello sui mercati valutari anglo-americani.

    Cambiali garantite dallo Stato per le imprese

    Lo Stato tedesco può dunque creare la moneta di cui ha bisogno nel momento in cui manodopera e materie prime sono disponibili per sviluppare nuove attività economiche, anziché indebitarsi prendendo i soldi in prestito. E ciò senza essere immediatamente punito dai mercati mondiali dei cambi con una perdita del valore del marco rispetto al dollaro ed evitando che il pubblico tedesco fosse colpito da quel segnale di sfiducia mondiale consistente nella svalutazione della sua moneta nazionale. In realtà, non venne praticata la stampa diretta di moneta, poiché il principale provvedimento di Schacht fu l’emissione dei MEFO, obbligazioni emesse sul mercato interno per finanziare lo sviluppo. In questo sistema è direttamente la Banca centrale di Stato (Reichsbank) a fornire agli industriali i capitali di cui hanno bisogno. Non lo fa aprendo a loro favore dei fidi; lo fa autorizzando gli imprenditori ad emettere delle cambiali garantite dallo Stato. Con queste promesse di pagamento gli imprenditori pagano i fornitori. In teoria, questi ultimi possono scontarle presso la Reichsbank in ogni momento, e qui sta il rischio: se gli effetti MEFO venissero presentati all’incasso massicciamente e rapidamente, l’effetto finale sarebbe di nuovo un aumento esplosivo del circolante e dunque dell’inflazione. Di fatto, però questo non avviene nel Terzo Reich. Anzi: gli industriali tedeschi si servono degli effetti MEFO come mezzo di pagamento fra loro, senza mai portarli all’incasso; risparmiando così fra l’altro (non piccolo vantaggio) l’aggio dello sconto. Insomma, gli effetti MEFO diventano una vera moneta, esclusivamente per uso delle imprese, a circolazione fiduciaria.

    Gli economisti si sono chiesti come questo miracolo sia potuto avvenire e alla fine la risposta è stata che il sistema funzionava grazie alla fiducia che il regime riscuoteva presso i suoi cittadini e le sue classi dirigenti, una fiducia ottenuta non solo con la propaganda e la coercizione, ma anche attraverso il progressivo miglioramento delle condizioni economiche della popolazione. Hjalmar Schacht fu l’inventore del sistema rendendo invisibile l’inflazione: gli effetti MEFO erano un circolante parallelo che il grande pubblico non vedeva e di cui forse nemmeno aveva conoscenza, e dunque privo di effetti psicologici. In seguito Schacht (che fu processato a Norimberga e ritenuto non colpevole) spiegò d’aver pensato che, se la recessione manteneva inutilizzato lavoro, officine, materie prime, doveva esserci anche del capitale parimenti inutilizzato nelle casse delle imprese; i suoi effetti MEFO non avrebbero fatto che mobilitare quei fondi dormienti. In realtà erano proprio i fondi a mancare nelle casse, non la manodopera. E Schacht sapeva che la prosperità della finanza internazionale dipende dall’emissione di prestiti con elevato interesse a nazioni in difficoltà economica.

    La disoccupazione riassorbita

    Un economista britannico, C.W. Guillebaud, ha espresso con altre parole lo stesso concetto: “nel Terzo Reich, all’origine, gli ordinativi dello Stato forniscono la domanda di lavoro, nel momento in cui la domanda effettiva è quasi paralizzata e il risparmio è inesistente; la Reichsbank fornisce i fondi necessari agli investimenti (con gli effetti MEFO, che sono pseudo-capitale); l’investimento rimette al lavoro i disoccupati; il lavoro crea dei redditi, e poi dei risparmi, grazie ai quali il debito a breve termine precedentemente creato può essere finanziato [ci si possono pagare gli interessi] e in qualche misura rimborsato”. Così Hitler raggiunse il suo scopo primario: il riassorbimento della disoccupazione e la crescita dei salari del popolo tedesco senza alimentare l’inflazione. I risultati sono spettacolari per ampiezza e rapidità: nel gennaio 1933, quando Hitler sale al potere, i disoccupati sono oltre 6 milioni; a gennaio 1934, si sono quasi dimezzati e a giugno sono ormai 2,5 milioni; nel 1936 calano ancora, a 1,6 milioni e nel 1938 non sono più di 400 mila. Fu questa ripresa economica ad accrescere il consenso di Adolf Hitler e a permettere alla Germania di lanciare negli anni successivi una massiccia politica di riarmo che portò allo scoppio della seconda guerra mondiale.

    Scarsa lungimiranza dei vincitori

    Per evitare malintesi, tengo a precisare che considero il nazismo una ideologia criminale. L’intento del mio articolo è quello di mettere in evidenza la politica economica e monetaria seguita dalla Germania di Hitler per risollevare un Paese allo stremo. Una politica che, con i dovuti accorgimenti, potrebbe essere riproposta nell’Europa di oggi dove la disoccupazione ha raggiunto livelli inaccettabili. La Germania dovrebbe tener presente che fu la scarsa lungimiranza delle nazioni che vinsero la prima guerra mondiale a determinare l’esplosione del debito, la sua monetizzazione e l’iperinflazione. Questo generò un sentimento profondo di rivalsa nel popolo tedesco che si manifestò pienamente con il sostegno al nazionalsocialismo dopo la grande depressione. Ma il consolidamento del potere di Adolf Hitler fu reso possibile anche da una spettacolare ripresa economica che in tempi brevi permise di ricostruire le infrastrutture, di rilanciare l’industria civile e quindi di riassorbire l’enorme disoccupazione.

    Il miracolo economico fu promosso da Hjalmar Schacht che escogitò un meccanismo monetario non inflazionistico in grado di fornire i capitali all’industria tedesca. Esattamente ciò che, con le dovute differenze, bisognerebbe fare oggi in Europa ma che viene impedito dalla politica egoistica e suicida del governo di destra guidato da Angela Merkel che ha come dogma l’indipendenza della Banca centrale europea dal potere politico e si oppone alla possibilità di lanciare le obbligazioni europee che potrebbero avere la stessa funzione delle obbligazioni MEFO ideate da Schacht. Al riguardo, c’è chi ha obiettato che non si trattò di un diretto finanziamento monetario del Tesoro, né di un immediato aumento del debito pubblico, però, lo Stato e la Banca centrale del Reich ebbero un ruolo determinante perché autorizzarono le emissioni e diedero la garanzia.

    Italia, quali le strade percorribili?

    Ma se in Europa in questo momento ci sono grandi difficoltà per finanziare un progetto di crescita, qui in Italia quali sono le strade percorribili per uscire dalla recessione che ci attanaglia? Se consideriamo il sistema delle obbligazioni MEFO, forse la debolezza che deriva dall’enorme debito pubblico potrebbe diventare un punto di forza. Più precisamente, i titoli del debito pubblico potrebbero costituire una massa monetaria gigantesca in grado di finanziare lo sviluppo dell’economia italiana. La possibilità che i titoli pubblici possano essere utilizzati negli scambi e negli investimenti sostituendo la moneta non sembra che sia stato compreso appieno sul piano teorico; sul piano pratico invece sicuramente si era capito visto che con i titoli pubblici si pagavano anche le tangenti! E proprio in questi giorni è apparsa la notizia che il corposo debito della Pubblica amministrazione con le imprese – circa 70 miliardi di euro – sia corrisposto in titoli di Stato per dare fiato alle imprese strozzate dalla stretta creditizia. Un’ipotesi ventilata già da alcune settimane, caldeggiata dal ministro Passera e che non dispiace a Confindustria, artigiani e commercianti. Il dossier riscuote per ora le perplessità di Ragioneria e Tesoro.

    Per attuare una strategia di questo tipo sarebbe essenziale la trasformazione del debito estero in debito interno (2). In questo modo si potrebbe stabilizzare il valore dei titoli del debito pubblico (3) e sarebbe possibile sfuggire alla “dittatura dei mercati finanziari” (4). Così i titoli pubblici potrebbero circolare e potrebbero essere usati nel mercato interno come strumenti di pagamento. Se, invece, i titoli pubblici sono detenuti da soggetti esteri, grosse vendite fanno svalutare questi titoli intaccando la possibilità di utilizzarli come strumenti di pagamento sul mercato interno. Inoltre, poiché i titoli sono accumulati all’estero, essi vengono sottratti alla circolazione e di conseguenza perdono la loro funzione monetaria. Allora, si potrebbe pensare di far rientrare una parte consistente dei Bot in Italia (5). “Consistente” significa di entità tale da evitare operazioni speculative da parte delle banche d’affari detentrici dei Bot italiani, che guadagnano non solo sulle pressioni al rialzo sui tassi di interesse sui Bot di nuova emissione, ma, soprattutto, sul valore dei titoli derivati che assicurano i titoli di Stato (Credit Default Swaps) (6). Quindi bisognerebbe costruire di fatto un sistema di compensazione fra imprese facendo funzionare i Bot rientrati come una moneta complementare (7). In sostanza, il problema è quello di costruire una nuova regolazione dei Bot italiani in circolazione tale da farli funzionare come monete complementari (capaci di finanziare l’attività produttiva) e non come riserva di valore. È probabile che un progetto del genere potrebbe essere più efficace se non fosse limitato solo all’Italia ma venisse esteso almeno ai Paesi del bacino mediterraneo, i quali sarebbero in grado di agire come un nuovo sistema innovativo e commerciale.

    In conclusione, i titoli pubblici sono un tipo di moneta che può essere usata per fare pagamenti di una certa entità dove non serve il contante. Il loro controvalore monetario si regge sulla fiducia nella capacità di rispettare gli impegni di pagamento e uno Stato ricco come l’Italia, che ha un bilancio pubblico sotto controllo, è in grado di assicurare questa fiducia. Un progetto che si ponga l’obiettivo di utilizzare i Bot come strumento di pagamento richiede delle misure per stabilizzare il valore dei titoli di Stato. La stabilizzazione del valore dei titoli comporterebbe diversi benefici in quanto permetterebbe di: allentare la morsa dei mercati finanziari internazionali sulla finanza pubblica del nostro Paese; garantire dei rendimenti sicuri al risparmio delle famiglie; utilizzare i titoli di Stato come moneta complementare. Per questi motivi dobbiamo studiare le esperienze del passato, quanto oggi viene fatto in altri paesi come il Giappone e le esperienze sulle monete complementari che esistono nel mondo.

    NOTE

    (1) Keynes, J.M., “Il problema degli squilibri finanziari globali. La politica valutaria del dopoguerra (8 Settembre 1941)”, in Keynes, J.M., “Eutopia”, a cura di Luca Fantacci, et. al. 2011, p. 43-55.
    (2) Giuseppe Guarino: “La trappola di Maastricht. Avviso ai governanti”. il manifesto domenica 4

  3. OK Parascandolo. Concordo, ma mi pare molto difficile proprio e soprattutto per la non fiducia verso lo Stato Italiano nella figura dei suoi amministratori politici che prima ol poi ritorneranno e che in pochi mesi farebbero sparire tutti i titoli nei vari meandri dell’apocalisse finanziaria italiana. Tu parli dei titoli e quindi del Debito. Poi pero’ c’è anche il Deficit italiano che è un’altra aggravante e so fin d’ora che comprendi facilmente la differenza fra Debito e Dedficit italiano.

    Si sta facendo strada la MMT (Modern Money Theory). E’ stata la salvezza dell’Argentina, ma la BCE non lo permetterebbe mai e questo è IL problema.

  4. “Stiamo assistendo a una delle tante mutazioni genetiche di Daniela Santanché.?” – No.!!! – Stiamo assistento ad una delle tante mutazioni genetiche della Politica Italiana.! Dopo trent’anni di oscurantismo, la Politica Italiana ha intrapreso un nuovo percorso, certamente salutare se non interverranno personagi squallidi ancora per farla ritornare indietro.!!! Un qualificato Governo Tecnico, come quello di Monti, come mai s’era visto prima, ed un Parlamento politico, non proprio tra i peggiori della Storia repubblicana.! Una attenuazione delle contrapposizioni ed un veloce progredire verso soluzioni che, pur dolorose per il ceto medio, sono da ritenersi necessarie, per tentare di uscire dal baratro in cui era stata portata L’Italia.! Non sarà un mazzo di rose, per San Valentino, a guastare l’atmosfera che si è creata, anche se ancora con forti resistenze di alcune formazioni partitiche parlamentari, interessate a remare contro corrente, per guadagnare qualche voto o per rifarsi di una verginità perduta.!

  5. Bryh, la Lega e IDV all’opposizione non lo fanno per rifarsi una verginità politica, ma per “legittimare” il Governo Monti, insediato a pura forza dal Presidente della Repubblica, altrimenti sarebbe stato un golpe bianco. E lo fanno in modo da potersi tutti quanti e nessuno escluso, ripresentare come salvatori della Patria alle prossime elezioni, piu’ arroganti e faziosi che mai. Erano tutti d’accordo e hanno fatto i loro giochetti. Tu credi ancora nella buona novella !

  6. Guarda che questi politici italiani sono, al pari degli altri politici, come anche in Grecia, o tutti, almeno i piu’ deboli: Spagna,Portogallo,fino alla stessa pur forte Germania, sono messi in quarantena da tempo!!!
    La politica, è sempre piu’ mortificata dalle lobbies e da tutti potentati finanziari, non solo dalle banche speculative, ma da tutti gli organismi
    internazionale come il Fondo Monetario Internazionale o la Banca Mondiale!!! I politici piu’ tradizionali: vedi Papandreu in Grecia, sono stati
    liquidati nel giro di 24 ore non appena hanno avuto la malaugurata idea di parlare di Referendum o democrazia!!!
    Sveglia!!!
    Chi comanda il mondo da 25 anni almeno è il Capitale Finanziario Privato
    innanzitutto e Pubblico,poi, molto a distanza!!!
    Altro che Primo Greganti o Penati!!!
    Non è ASSOLUTAMENTE una difesa FAZIOSA!!!
    Infatti Greganti vive a Cuba da buon “vecchio compagno” che ha difeso il partito!!!
    La postcomunista “SINISTRA” conta come il 2 di bastone, cioe’ NIENTE!!!
    Cio’ che potra’ scattare nei prossimi mesi, è una rivolta popolare data la
    grave recessione in tutto il mondo OCCIDENTALE!!!
    E questa strategia RECESSIVA ora serve soltanto ad ammorbidire il mondo del Lavoro-Disoccupazione che, in caso di ORGANIZZAZIONE,
    puo’ creare problemi anche a te o alla parte che difendi:
    I grandi evasori nazionali che hanno gia’ portato i soldi nei PARADISI FISCALI IN SINTONIA CON GLI SPECULATORI DI TUTTO IL MONDO!!!

  7. Parascandolo, prima di pensare alla finanza internazionale, alle grandi banche e ai cosiddetti guru della finanza, seguendo lo stesso discorso di Sylos Labini in merito alla Germania Hitleriana, penso che prima dovremmo mettere a posto i conti italiani. A cosa serve chiedere aiuti alla UE e far fare enormi sacrifici agli Italiani tutti se poi nelle casse dello Stato entrano 100 e ne vengono buttati nel cestino 200?

    Bisogna tornare a ragioinare sulla base della carta del formaggio.

    A cosa mi serve un mostro sacro di economia finanziaria aziendale e fiscalità internazionale come Marchionne, se poi non capisce che prima di muovere capitali, bisogna farli?
    E il gruppo Fiat non sta producendo niente. Alfa ha 2 modelli. Lancia ha 2 modelli. Fiat ha 5 modelli. Maserati ha 2 modelli. Ferrari è l’unica che si salva, ma percentualmente non conta niente.
    E ci vogliamo confrontare con Mercedes, BMW Wolkswagen, Opel, Renault, Citroen, Volvo e tutti gli altri gruppi mondiali. Tutti con almeno 20 modelli. Poi il gruppo Fiat è indietro anni luce con la Green-Power mentre tutti si stanno concentrando su questa nuova tecnologia del futuro anche per smetterla di essere prigionieri e schiavi dei caproni arabi e del loro petrolio.

    Poi, mi ripeto, una soluzione che sta acquisendo sempre piu’ consensi è appunto la MMT, ma ci vorranno anni prima di scalzare la BCE.

    Allora stiamo con i piedi per terra e non inventiamoci fantasmagoriche scuse internazionali. Noi diamo 100 allo Stato e i politici ne buttano 200. Cosa ti serve ancora per capire?

  8. Matteo è sempre molto conciso e pragmatico nei suoi ragionamenti, senza frondoli, a volte paiono addirittura semplicistici, ma alla fine il succo concentrato della storia è proprio quello.
    E’ inutile che io giri con un macchinone se poi per mantenerla mangio pane e formaggio. Forse sarebbe meglio avere una macchinetta e potersi permettere le vacanze.

  9. 1. Gli Stati Membri non possono piu’ emettere moneta propria, ma la devono obbligatoriamente acquistare dalle grandi banche PRIVATE, designate senza appello dalla BCE, allo spaventoso tasso del 6%. Questo tasso lo pagano i cittadini con le loro tasse.

    2. I BTP collocati sui mercati internazionali devono poi essere restituiti con tanto di interessi che pagano i cittadini. Quindi prendo 100 per lagarmi le mie spese interne, poi non ne ho piu’, ma li devo per forza restituire e ne devo restituire 103 – 104 a seconda del tasso di interesse offerto.

    3. La MMT prevede la possibilità di emettere moneta propria (euro ovviamente) sganciandosi dalla Banca Centrale e avere quindi piu’ fiato sia per il costo del denaro che per la disponibilità. Correggerebbe anche il rapporto del PIL.

    4. Il SEURO e il NEURO sono un abominio proposto da Francia e Germania. L’Euro è uno solo, la forza sta nell’economia e nel rapporto con il PIL, non in neuro-deliri.

    5. Ci si è accorti (ma va?) che il Parlamento Europeo costa una fortuna agli Stati Membri e che ci sono enormi sprechi e privilegi (ma va?).

  10. Mi viene da piangere.
    Lo Stato incassa 100 euro di IVA e ne spende 105 per amministrarla. Lo sapevate?

    A cosa servono tutti questi discorsi pseudoraffinati e pseudofinanziari tanto per riempire pagine su pagine e per parlarsi addosso, se poi la soluzione è veramente sulla carta del formaggio?

  11. La cosa molto banale, pero’, e che non dici,
    è che come fai a produrre 20 – 30 modelli,stiamo parlando di auto, ma potremmo
    parlare di case: i classici settori produttivi tradizionali, se poi non vendi???
    E perchè non vendi???
    Perchè, elementare watson, non paghi i salari e preferisci delocalizzare, perchè i salari,in Romania sono ancora piu’ bassi, ma non hai capito che creando disoccupazione sul territorio nazionale, le macchine che hai prodotto ti restano sul groppone e la spirale è la stessa!!!
    Ma che ci vuole Leonardo Da Vinci per capire cio’???
    Riguardo al debito pubblico, poi, e tu lo dimentichi spesso, oltre a salari IMPRODUTTIVI, percio riforme, riforme, riforme anche nella pubblica amministrazione ci sono i famosi SPRECHI
    che guarda caso sono SCHIZZATI in alto proprio, e non solo, sotto gli stessi politici del passato!!!
    Il Brunetta di Craxi e il Brunetta di Berlusconi, e cosi’ la Boniver il Cicchitto, il Sacconi…
    Nominiamoli e cacciamoli a pedate, ma forte a sti signori: MARIUOLI, SEMPRE MARIUOLI, FORTISSIMAMENTE MARIUOLI, altrimenti tutti, compresi il rifondarolo di Gubbio, vengono CONTAMINATI peggio delle
    RADIAZIONI atomiche!!!
    Percio’ soltanto i Giovani con buone guide,
    mi ripeto non il figlio di Bossi, posson guidare questo paese!!!
    La SOBRIETA’ dei giovani e dei PROLETARI
    è storica!!!
    Checché tu, IDEOLOGICAMENTE e OPPORTUNISTICAMENTE fai il naso storto nascondendoti dietro una OBSOLETA
    intellettualita’ NORDICA E SNOB e piccolo borghese!!!
    Questa è la VERITA’!!!
    Il resto….sono CAZZATE da venditori di FUMO!!!

  12. Parascandolo, come al solito la butti in politica e sul personale. Con te ormai non si puo’ piu’ parlare.
    Dimostri di non avere ancora capito il banale concetto di causa ed effetto, malgrado te l’abbia spiegato mille volte. Inutile continuare, parla con la tua affettuosa amicizia che siete sullo stesso piano di non com prensione.
    Mi fà piacere che sia arrivato Rolex che senza polemiche ragiona con la sua testa.
    Io non parlo di riforme e di sprechi e di chi li ha causati indipendentemente dal colore politico? Guarda che l’LSD al mattino non fà bene, datti una regolata.

  13. Senza rancore, ma con sano REALISMO, a voi due, se fossi io, dopo la pasticca di LSD, si intende, a dare l’incarico di governo e dopo cio’ che avete detto, non darei nemmeno l’incarico di gestire il CONDOMINIO sotto casa!!!
    Statene CERTISSIMI!!!
    Ragionate con le vostre teste, ci sono delle OTTIME AFFINITA’ ELETTIVE!!!

  14. Rolex ti avevo avvertito, non rispondere a Parascandolo e a ninocasola, sono accecati dalle ideologie e non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Eccoti accontentato, ti ha accomunato a me e ha cominciato ad attacarti sminuendoti, ma non dicendo niente. Critica pura come quella della sua affettuosa amicizia che gira e rigira la frittata nella padella e poi crede di essere stato pure furbo.
    Lascia perdere credimi, non ne vale la pena dato che fanno solo…pena.

  15. Matteo, me ne sono ben reso conto, non ha ancora risposto ai tuoi post circostanziati e ha fatto un lunghissimo copiaicolla di Labini. Mi pare che la sua sia lotta di classe degli anni dei katanga, tutto muscoli e poco cervello. Sono tutti finiti male, sono tutti nel dimenticatoio della storia e gli altri hanno fatto solo danni.
    E’ sul Corriere della Sera di oggi che l’ideologia è la dannazione degli intellettuali perchè li porta ad essere ciechi e sordi a tutto tranne a quello che credono loro e quindi ad essere intransigenti, cosa questa che leggendo i tuoi vecchi post hai piu’ volte ripreso, ma senza essere mai capito.
    Bene. ora hanno un altro mafioso da prendere a male parole. Peccato che essere loro nemico non porti onore.
    Hai ragione nel dirmi di non entrare nel merito, anche perchè ti portano sempre fuori tema parlando poi di loro e a me di loro non me ne frega proprio niente. Accetto il tuo consiglio dettato dall’esperienza.

  16. – La politica, è sempre piu’ mortificata dalle lobbies e da tutti potentati finanziari. (Avevo appena detto che in italiano non si mettono al plurale i nomi stranieri e tu cosa fai?)

    – Infatti Greganti vive a Cuba da buon “vecchio compagno” che ha difeso il partito!!! (Che ha difeso i ladri e vive a Cuba dove è scappato e dove si fà le bambine e vive di rendita alla faccia nostra e con i soldi, nostri, che gli ha dato il partito per tacere)

    – Cio’ che potra’ scattare nei prossimi mesi, è una rivolta popolare data la grave recessione in tutto il mondo OCCIDENTALE!!! (Magari cosi’ fosse, se lo meriterebbero, altro che politically correct. Da bambino i miei mi dicevano: o la capisci con le buone o la capisci con le cattive. Ero un bambino sotto i 10 anni. Loro ne hanno ben di piu’, ma sono ritardati come dei bambini. Poi Recessione è quando il PIL cala oltre il 2%. Entro il 2% si è in Stagnazione. Ora siamo invece nella peggiore situazione che è quella della Stagflazione, praticamente un controsenso dove sussistono Stagnazione e Inflazione)

    – Allora prova una volta a fare veramente i conti sulla carta del formaggio e poi tira una riga. Mi spieghi dove va a finire la politica? E le ideologie? (moriremo ideologici, ma intanto moriremo, oh che bello!). Sei come il Vaticano che prega per i bambini africani, intanto i bambini muoiono di fame e loro sono pieni di oro, gioielli, quadri per miliardi di euro, banche, attività a scopo di lucro e interessi in tutto il mondo. Teologia, e i bambini africani muoiono di fame e ci devono pensare le Onlus e i volontari! A parte qualche prete e qualche suora isolati ai quali bisognerebbe fare un monumento. Madre Teresa di Calcutta è sempre stata lasciata sola dalla Chiesa Romana, ci dovevano pensare Lady Diana a altri benefattori.

  17. I due pragmatici non sanno o non si accorgono, che in giro ci sono ABITAZIONI prodotte che non hanno mercato!!!
    Siccome sono due limitati mentali, fanno i
    discorsi della ssrta, con tutto il rispetto per le sarte!!!
    Non si accorgono che le merci esistono , ma non si vendono!!!
    Loro sono distratti, e si sentono offesi e attaccati, se uno li porta a VEDERE LA REALTA’!!!
    Dicono ovvieta’ semplicistiche: tendere al pareggio, ma non danno soluzioni!!!
    Il pareggio lo si ottiene o spendendo meno
    ed in maniera accurata senza sprechi, e gli sprechi, per me che sono un katanga, sono quei miliardi di TANGENTI che i signori amici di rolex, che parla di REALISMO POLITICO, concedendo e tollerando le TANGENTI del 3 o 4% come dato ACQUISITO
    e in Italia si BUTTANO VIA 60 miliardi di euro per tangenti, che potrebbero, azzerandoli, diminuire i deficit di bilancio e di conseguenza il debito pubblico!!!
    Rancoroso perchè gli EREDI del Craxismo hanno fatto le stesse politiche del DELINQUENTE Craxi???
    Ma andate a giocare a PALLONE!!!
    Soluzioni concrete a cui non avete pensato o siete MAZZETTARI percio’ non vi conviene!!!

  18. I due pragmatici non sanno o non si accorgono, che in giro ci sono ABITAZIONI prodotte che non hanno mercato!!!
    Siccome sono due limitati mentali, fanno i
    discorsi della ssrta, con tutto il rispetto per le sarte!!!
    Non si accorgono che le merci esistono , ma non si vendono!!!
    Loro sono distratti, e si sentono offesi e attaccati, se uno li porta a VEDERE LA REALTA’!!!
    Dicono ovvieta’ semplicistiche: tendere al pareggio, ma non danno soluzioni!!!
    Il pareggio lo si ottiene o spendendo meno
    ed in maniera accurata senza sprechi, e gli sprechi, per me che sono un katanga, sono quei miliardi di TANGENTI che i signori amici di rolex, che parla di REALISMO POLITICO, concedendo e tollerando le TANGENTI del 3 o 4% come dato ACQUISITO
    e in Italia si BUTTANO VIA 60 miliardi di euro per tangenti, che potrebbero, azzerandoli, diminuire i deficit di bilancio e di conseguenza il debito pubblico!!!
    Rancoroso perchè gli EREDI del Craxismo hanno fatto le stesse politiche del DELINQUENTE Craxi???
    Ma andate a giocare a PALLONE!!!
    Soluzioni concrete a cui non avete pensato o siete MAZZETTARI percio’ non vi conviene!!!
    Oppure recuperare la FORTISSIMA evasione fiscale !!!
    Siete EVASORI e nemmeno questo vi conviene???
    P.S. E’ scappato l’invio del precedente scritto senza poter completare.

  19. Parascandolo, in Italia NON ci sono 60 miliardi di tangenti, ci sono 60 miliardi di sprechi! Che sono un’altra cosa. Per le “mediazioni” del 3 – 5% tassate, penso che Rolex si riferisse alla Svizzera (guarda caso), il Paesino di contadini che da solo e con solo 7 milioni di abitanti, latte, orologi, cioccolato e turismo, attira tutti gli scontenti mondiali della gestione dei loro soldi da parte dei loro “ideologici politici” e che ha una moneta tanto forte da mettere in ginocchio sia l’euro che il dollaro. Sai come lavorano gli Svizzeri? Hai i soldi per fare questo? No? Ripassa quando li avrai. Infrastrutture: preventivo 10, se spendi 11 devi renderne conto e se fai il furbo vai in galera e ci paghi multe e more salatissime.A qualsiasi livello. Poi i servizi funzionano bene. Vai in posta, nei Comuni, in banca, dal benzinaio, negli alberghi, nei negozi, dovunque e sono tutti gentilissiimi ed efficientissimi. Burocrazia al minimo. Per avere delle autorizzazioni bastano due giorni eccetera. C’è un grande rispetto per la natura, mentre l’Italia è il Paese al mondo che ogni anno mangia piu’ verde di tutti per costruire nuovi edifici, quando quelli vecchi in città vanno a pezzi perchè abbandonati.
    Ma con te cosa ci parlo a fare, tanto non capisci.

  20. I due pragmatici non sanno o non si accorgono, che in giro ci sono ABITAZIONI prodotte che non hanno mercato!!! (Parascandolo)

    – Tu sei pazzo, ti ho appena detto che il mercato è sbilanciato. Ad una domanda di 100 corrisponde un’offerta di 400. Che i magazzini delle fabbriche sono pieni di sovraproduzione di merce invenduta sulla quale poi ci paghi pure le tasse. Ma come fai ad essere cosi’ tonto?

    – Il mercato è profondamente ed irrimediabilmente cambiato, non siamo piu’ in un’economia di primo acquisto, siamo in un’economia del semplice ricambio. Il boom economico è finito da 40 anni, ma si richiede cocciutamente alle fabbriche di produrre sempre di piu’, poi non stanno in piedi perchè non c’è domanda, allora si ricorre alla cassa integrazione che grava sull’INPS che non c’entra niente e cominciano i guai. Ma per i sindacati bisogna mantenere a tutti i costi gli stabilimenti aperti e i posti di lavoro e lo stipendio garantiti, invece di CONVERTIRE l’econimia. Ecco la madre di tutte le ignoranze !!!

  21. Avevi appena detto che…le solite cazzate,
    come il latino!!!
    Quando non si conoscono i plurali…siccome
    conosco il plurale di lobby lo uso!!!

    Non dire sempre le solite STRONZATE da professore INCAPACE!!!
    Lo dimostri sempre!!!
    Insisti, diceva ninocasola!!!

    Greganti a nome del partito ha preso soldi e ha fatto l’eroe ACCUSANDOSI!!!
    non HO SETTO CHE LO giustifico!!!
    Non MANIPOLARE come è tuo solito!!!

    MILANO/ROMA (Reuters) – L’economia italiana è in recessione tecnica e la conferma ufficiale è giunta questa mattina dai dati preliminari dell’Istat sul Pil nazionale del quarto trimestre, sceso su base congiunturale dello 0,7% dopo il -0,2% registrato nel terzo.(copia e incolla)
    La stagflazione non è un controsenso è una situazione gia’ verificatasi in passato e cio’ dimostra che non ci sono BANALI meccanicismi in ECONOMIA!!!
    Quando l’inflazione è alta, si riduce il credito che, riducendo la circolazione monetaria, porta alla riduzione dell’inflazione!!!Cio’ non sempre è vero e la STAGFLAZIONE lo dimostra!!!
    Sono stato sempre critico verso la ECONOMETRIA a cui era solito rivolgersi anche lo stesso Nobel Franco Modigliani!!!
    Sono come il Vaticano!!!
    Magari???
    Vivo di stipendio fondamentalmente non rubo
    TRANNE che ai miei Giovani Pari senza lavoro, e percio’ sono disposto, anche a guadagnare di meno se favorissi, CON CERTEZZA, un nuovo posto di lavoro, faccio, quando posso, della solidarieta’…

    ho capito hai bisogno di un po’ di soldi
    per farti le vacanze a Firenze???
    Mandami il numero di conto corrente…
    ti faccio un BONIFICO!!!

  22. Un momento, qui è Reuters che ha preso un abbaglio.

    Espasnsione: PIL sopra lo zero
    Stagnazione: PIL in calo entro il 2%
    Recessione: PIL in calo oltre il 2%
    Inflazione: aumento del costo di beni e servizi
    Stagflazione: situazione pericolosa che si verifica quando convivono nello stesso periodo Stagnazione e Inflazione.

    Normalmente l’Inflazione aumenta quando si è in Recessione per evitare corse pazze agli acquisti e per far ragionare la gente in modo da indebitarsi il meno possibile, ma siamo già in Recessione.
    La Stagnazione dovrebbe essere un campanello d’allarme, ma se si aggiunge anche l’Inflazione sono guai.

    Reuters è fatta di uomini fallaci come tutti. Bisogna dire per onestà che il termine Stagnazione ben pochi sappiano cosa significhi in economia e quindi su usa per semplicità (e per andare incontro all’ignoranza) il termine Recessione, di ben piu’ facile e immediata comprensione.

  23. A cosa mi serve un mostro sacro di economia finanziaria aziendale e fiscalità internazionale come Marchionne, se poi non capisce che prima di muovere capitali, bisogna farli?
    E il gruppo Fiat non sta producendo niente. Alfa ha 2 modelli. Lancia ha 2 modelli. Fiat ha 5 modelli. Maserati ha 2 modelli. Ferrari è l’unica che si salva, ma percentualmente non conta niente.
    E ci vogliamo confrontare con Mercedes, BMW Wolkswagen, Opel, Renault, Citroen, Volvo e tutti gli altri gruppi mondiali. Tutti con almeno 20 modelli. Poi il gruppo Fiat è indietro anni luce con la Green-Power mentre tutti si stanno concentrando su questa nuova tecnologia del futuro anche per smetterla di essere prigionieri e schiavi dei caproni arabi e del loro petrolio.(scritto oggi)

    Tu sei pazzo, ti ho appena detto che il mercato è sbilanciato.
    Ad una domanda di 100 corrisponde un’offerta di 400. Che i magazzini delle fabbriche sono pieni di sovraproduzione di merce invenduta sulla quale poi ci paghi pure le tasse. Ma come fai ad essere cosi’ tonto???(scritto qualche giorno fa)

    Il secondo scritto contraddice cio’ che hai scritto oggi!!!
    Qui se c’è un PAZZO furioso…quello sei tu!!!
    Ma fatti ricoverare!!!
    E non insultare le BRAVE persone prendendole per i fondelli solo perchè
    hai un po’ di soldi in piu’ che non hai mai sudato, certamente!!!!
    Vai a CAGARE!!!

  24. Avevi appena detto che…le solite cazzate,
    come il latino!!!
    Quando non si conoscono i plurali…siccome
    conosco il plurale di lobby lo uso!!!

    Non dire sempre le solite STRONZATE da professore INCAPACE!!!
    Lo dimostri sempre!!!
    Insisti, diceva ninocasola!!! (Parascandolo)

    – hehehehehe sei proprio uno scemo. Ho detto anche che è stata l’Accademia della Crusca (non quella crusca alimentare che forse è l’unica che conosci) a stabilire che nella lingua italiana le parole straniere rimangono al singolare e vengono usate come idioma. E tu sei talmente furbo e intelligente che sostieni con forza di essere nel giusto a perpetrare un errore anche dopo che ti è stato esaurientemente spiegato.

    Per il latino stendiamo un velo pietoso e poi tu nemmeno lo conosci, quindi chiudi il culo. OOOOOHHH là, quanno ce vo’ ce vo’! E che cacchio!

    Il tuo affezionato amico ne diceva tante di cose…..ma c’è il libero arbitrio. A proposito, Dio ha dato agli uomini il libero arbitrio, ma forse ragionando cone ninocasola invece Dio ha dato agli uomini i liberi arbitrii.

    Rammenta: cultura superficiale. Te l’ho detto e ripetuto, il copia e incolla non rende gli uomini piu’ edotti, ma solo dei poveri pappagalli.

  25. Normalmente l’Inflazione aumenta quando si è in Recessione per evitare corse pazze agli acquisti e per far ragionare la gente in modo da indebitarsi il meno possibile, ma siamo già in Recessione.
    La Stagnazione dovrebbe essere un campanello d’allarme, ma se si aggiunge anche l’Inflazione sono guai.
    Scritto da: Rolex | 15.02.2012

    Che perla!!!!Dove hai studiato alla BOCCONI???

  26. Il secondo scritto contraddice cio’ che hai scritto oggi!!! (Parascandolo)

    Fammi capire una cosa, ma veramente non hai capito o mi stai prendendo per il culo? Se non l’hai capito non te li spiego nemmeno. Se mi prendi per il culo fai pure, fatto da te non è certo un insulto.

    Ripeto, tu sei pazzo.

  27. L’accademia della Crusca ha dato un orientamento in seguito:
    Negli anni 2010-11 fu varie volte ventilata l’abolizione dell’istituto, sia per motivi economici in seguito alla crisi finanziaria che investì il paese, sia per la presunta «inutilità» dell’ente stesso.[copia e incolla)

    Nel linguaggio corrente, molti giornalisti e scrittori…se ne fregano!!!!
    E SCRIVONO le LOBBIES!!!
    Povero scemo!!!
    Poi tu non dici niente perchè sei IL VUOTO!!!
    E, per giunta, sei LA CONTRADDIZIONE perenne!!!
    Tu dici BIANCO e dopo due secondi dici!!!
    NERO!!!
    Appunto non confondere la mia tolleranza, verso i MALATI DI MENTE, per stupidaggine!!!

    quindi chiudi il culo. OOOOOHHH là, quanno ce vo’ ce vo’! E che cacchio!

  28. Che perla!!!!Dove hai studiato alla BOCCONI???

    Scritto da: Giuseppe Parascandolo | 15.02.2012

    Allora tu non ti sei mai accorto che quando l’economia cala la BCE aumenta i tassi di sconto? Tranne le ultime due volte che li ha diminuiti?

    Qualcosa contro la Bocconi dove non ti farebbero nemmeno entrare?

  29. E non insultare le BRAVE persone prendendole per i fondelli solo perchè
    hai un po’ di soldi in piu’ che non hai mai sudato, certamente!!!!
    Vai a CAGARE!!! Parascandolo

    Matteo, avevo ragione, la sua è solo lotta di classe. Lascia perdere, è fiato sprercato, lo sai. Liberiamo il blog da questo pagliaccio.

  30. Nel linguaggio corrente, molti giornalisti e scrittori…se ne fregano!!!!
    E SCRIVONO le LOBBIES!!! Parascandolo
    _____________________________

    Ma tu sei fuso. Sapessi negli articoli di giornali e riviste, nei servizi televisivi e radiofonici e nei libri, quanti e quali enormi, sconsolanti e grossolani errori ci sono. Errori di ortografia, di sintassi, di verbi (ormai il congiuntivo non esiste quasi piu’ e la consecutio termporum è arabo), di costruzione della frase, di accenti e appunto di parole straniere messe al plurale.

    Poi sono io a non ammettere i miei errori. Tu ormai sei paranoico senza possibilità di guarire.

    Se poi l’Accademia della Crusca chiude per mancanza di fondi allora ha sbagliato ed è inutile? Dopo che ha insegnato l’italiano a intere generazioni di persone? Tu sei un idiota e te lo meriti tutto, te lo dico convinto, al di là di ogni ragionevole dubbio.

    Sfotti Rolex sulla Bocconi? Ma se non sai nemmeno cosa si faccia alla Bocconi!

  31. x Rolex
    Tu sei il classico cretino che non conosce una mazza di Economia e in due righe hai detto parecchie FREGNACCE!!!
    Ora mi metto in CATTEDRA e ti spiego come vanno le cose!!!
    Poi corri IMMEDIATAMENTE da un professore di tua fiducia e che conosce L’Economia Politica,gli sottoponi quello che scrivo e quello che scrivi!!!
    Poi ritorni e mi prendi a SCHIAFFI se quello che ho scritto e che sto per scrivere, vengono CRITICATE dal tuo professore di fiducia!!!
    Va bene cosi????
    Quando l’economia va in recessione, TENDENZIALMENTE la inflazione tende a calare!!!
    Perchè???
    Per tutta una serie complessa di MOTIVAZIONI:
    Si produce di meno perchè non si investe
    e non si investe, perchè non conviene in quanto si comprimono i profitti perche’
    o ci sono merci invendute o i costi di produzione sono troppo alti.
    Quando c’è dell’invenduto, si abbassano i prezzi per smaltire le scorte e si preferisce anche perdere, per CAPITALIZZARE,vale a dire trasformare le merci in MONETA che puo’ servire per soddisfare altri bisogni!!!
    Quando si svende, la INFLAZIONE si riduce!!!
    Quindi la RECESSIONE porta al calo dell’inflazione!!!
    La STAGFLAZIONE, invece, si ha, quando, nonostante la economia STAGNANTE e che tende a non produrre, mantiene comunque
    i prezzi alti per motivazioni tra le piu’ diverse tra cui o la non deperibilita’ di beni o perchè non è necessario trasformare in moneta le merci perchè non c’è necessita’ monetizzare!!! Esempio si trasferiscono parte dei RISPARMI o Capitali Finanziari in moneta necessaria
    agli impieghi di cui si parlava prima restando invariati i prezzi o AUMENTANDOLI
    se sono beni che diventano NECESSARI per i CONSUMI a causa della forte DOMANDA per beni che diventano Primari anche se possono sembrare SUCCEDANEI!!!
    La benzina e il gasolio sono l’esempio
    classico: un’economia stagnante e in recessione, con l’aumento delle accise, fa diminuire di poco la domanda di questi beni,perchè ognuno usa la macchina e non puo’ RINUNCIARVI!!!
    La BCE non fa la Politica Monetaria dei vecchi ISTITUTI DI EMISSIONE!!!

    La BCE non corrisponde, a livello Europeo,
    alla vecchia Banca D’Italia che restringeva o allargava la CIRCOLAZIONE MONETARIA per pilotare l’inflazione!!!

    E quando si calano i tassi è per allargare
    gli investimenti che possono creare nuova
    occupazione anche quando la inflazione è alta!!!
    La Federal Reserve ha per anni mantenuto bassi i tassi a parte LA DROGA dei mercati finanziari, anche per allargare i potenziali investimenti e fare da CONTRALTARE, in certo qual modo, alla economia di carta!!!

  32. Non ho sminuito l’importanza storica della
    Accademia, ho solo detto, che si è pensato di chiuderla viste, probabilmente, i processi EVOLUTIVI/INVOLUTIVI della lingua!!!
    Tutto qua’!!!
    Non prendertela con me per questa scelte!!!
    Tutti IGNORANTI i giornalisti???
    Meno male che ci sei tu!!!
    Come TUTTOLOGO non c’è che dire!!!
    E poi ti ARRAMPICHI sugli specchi!!!
    Sei un OTTIMO SCLATORE oltre che MANIPOLATORE!!!
    Bravo!!!

  33. “Il capitalismo non è intelligente, non è bello, non è giusto, non è virtuoso e non produce i beni necessari. In breve, non ci piace e stiamo cominciando a disprezzarlo. Ma quando ci chiediamo cosa mettere al suo posto, restiamo estremamente perplessi.”
    John Maynard Keynes

    Adesso discuti e confuta Lui. Dice esattamente quello che io ti ripeto da anni e che tu non hai mai capito, infarcito di putrescenti ideologie come sei. Ma ovviamente non lo ammetterai e girerai la frittata su di me. Ovviamente.

  34. – Quando l’economia va in recessione, TENDENZIALMENTE la inflazione tende a calare!!! (Parascandolo)
    . In tutta la storia d’Europa e anche prima, è successo solo due volte con Draghi. La Federal Reserve li ha sempre alzati. Evidentemente Draghi gli deve avere spiegato qualche cosina e cioè che la Politica Monetaria (Tasso di Sconto) non puo’ essere decisa a prescindere dell’andamento del mercato vero, non di quello finanziario. Studia!

    – Quando c’è dell’invenduto, si abbassano i prezzi per smaltire le scorte e si preferisce anche perdere, per CAPITALIZZARE,vale a dire trasformare le merci in MONETA che puo’ servire per soddisfare altri bisogni!!! (Parascandolo)
    . Questa è strategia commerciale aziendale che nulla ha a che vedere con la politica monetaria di BCE Federal Reservee FMI. Studia!

    – Quando si svende, la INFLAZIONE si riduce!!!
    Quindi la RECESSIONE porta al calo dell’inflazione!!! (Parascandolo)
    . Vendite e svendite commerciali nulla hanno a che vedere con l’Inflazione decisa dagli organismi di gestione monetaria sia a livello europeo che a livello dei singoli Stati Membri e che lavorano sul Tasso di Sconto e in valore percentuale sul Costo del Denaro e dei beni e servizi. Non a caso l’inflazione in Italia è tornata a salire dopo l’aumento della percentuale delle Accise sui carburanti e dopo l’aumento della percentuale dell’IVA. Stai mischiando le pere con le mele. Studia!

    – La BCE non corrisponde, a livello Europeo,
    alla vecchia Banca D’Italia (Parascandolo)
    . La BCE e la Federal Reserve si sono totalmente sostituite alla vecchia Banca d’Italia e alle Banche Centrali degli Stati Membri e stabiliscono la Politica Monetaria europea di tutti gli Stati Membri spogliandoli della loro Sovranità. Inoltre obbligano gli Stati Membri ad acquistare il denaro necessario alla loro gestione, presso le banche private decise da loro e a loro insindacabile giudizio e decisione. In pratica non esiste piu’ una Moneta Sovrana. Studia!

    . Svizzera e Gran Bretagna non hanno accettato di far parte della Moneta Unica Europea e ad ogni giorno sono sempre piu’ convinti di avere fatto la scelta giusta.

    . I Paesi dell’est che si troveranno a lavorare con l’Euro, saranno ridotti alla fame come la Grecia.

    . Se manca la Sovranità sulla Moneta, manca tutto. Bisogna istituire la MMT.

    Ripeto:
    “Il capitalismo non è intelligente, non è bello, non è giusto, non è virtuoso e non produce i beni necessari. In breve, non ci piace e stiamo cominciando a disprezzarlo. Ma quando ci chiediamo cosa mettere al suo posto, restiamo estremamente perplessi.”
    John Maynard Keynes

    In poche parole dice che, piaccia o non piaccia, non si puo’ fare a meno del Capitalismo. Il resto sono solo utopie, praticamente artia fritta, con buona pace di Marx, Lenin e tutti gli altri “illuminati”.

  35. « Inflazione significa aumento della quantità di denaro e banconote in circolazione e della quantità di depositi bancari soggetti a controllo. Ma oggi si usa il termine “inflazione” per riferirsi al fenomeno che è una conseguenza inevitabile dell’inflazione, la tendenza all’aumento di tutti i prezzi e gli stipendi. Il risultato di questa deplorabile confusione è che non c’è più un termine per indicare la causa di questo aumento nei prezzi e negli stipendi. Non c’è più alcuna parola disponibile per indicare il fenomeno che, finora, è stato denominato inflazione. Ne consegue che nessuno si preoccupa per l’inflazione nel senso tradizionale del termine. »

    (Ludwig von Mises[12])

    Appunto ho sottolineato i cambiamenti che la DROGA dell’economia di carta ha determinato e tu non fai altro che ripetere da GRANDE MANIPOLATORE le cose
    che ho detto e rispondi come quel cretino di Brunetta!!!!
    Idiota!!!

  36. Parascandolo, per favore, fai una cortesia a tutto il blog: lascia perdere.

    Hai sempre portato Keynes su un piatto d’argento e adesso che ti dimostro che Lui per primo considera i ragionamenti come i tuoi una pura utopia, tu non mi rispondi nemmeno, ma copi e incolli altri pensieri di altre persone.

    Von Mises ha ragione, ma non contraddice il concetto. Monsieur le Général De Lapalisse.

    Infatti OGGI con il termine inflazione si designa esattamente l’aumento dei prezzi al consumo dato dall’aumento del costo del denaro (causa) che a cascata porta alla conseguenza dell’aumento dell’indice del paniere del costo della vita (effetto).

  37. Poi la solita metodica. Ho postato una risposta alla tua rispoata a Rolex (che molto piu’ signore di me non entra in polemica. Mi sa che se la ride pure), circostanziando ogni tua puntualizzazione, ma ti guardi bene dal rispondere, posti solo due miseri copia e incolla di due persone che non sono certo te.

    La vera intelligenza è quella di ragionare con il proprio cervello senza essere influenzati dal pensiero di altri. Te l’avevo già fatto rilevare una volta.

  38. Trattato di Lisbona

    Il Trattato creerà uno Stato superiore agli Stati Membri esattamente come gli Stati Uniti d’America sono superiori ai singoli Stati Americani.

    Esso avrà il potere di firmare accordi internazionali con altri Paesi del Mondo e questi accordi saranno vincolanti su ogni Paese Membro anche se i suoi Parlamentari saranno contrari e avranno precedenza sulle sue leggi.

    Avrà il potere di entrare in guerra come Europa e senza l’autorizzazione dell’ONU, lasciando ai singoli Stati il potere di “astenersi costruttivamente” (che significa poi Collaborazionismo) e imporrà inoltre agli Stati Membri un aumento delle spese militari.

    Il ,Presidente della nuova Unione Europea non sarà eletto dal Popolo come negli USA, ma potrà rappresentarci nei rapporti con Paesi cruciali come l’America, la Russia o la Cina, che non dialogheranno piu’ con i nostri attuali Governi su una serie di importanti affari internazionali.

    Il Trattato ha il potere di annullare precedenti accordi o trattati stipulati dai singoli Paesi Membri e di qualsiasi genere essi siano, nei confronti di altri Paesi anche al di fuori dell’Unione Europea.

    Trattato firmato a Lisbona nel 2007 e reso attuativo nel 2009.

    Se questo non è un Colpo di Stato europeo allora mi si spieghi ce cos’è.
    Piu’ nessuna Sovranità Nazionale e piu’ nessuna Sovranità Monetaria con la moneta unica.
    Poi Germania e Francia vogliono il Seuro e il Neuro. La Francia vuole comandare le missioni militari e vuole avere la prelazione sulla ricostruzione della Libia e l’opzione sul suo petrolio. La Germania vuole dividere l’Europa e decidere chi deve fallire e chi no.

    A buon intenditore poche parole.

  39. Ormai sono rimasto il solo che ti risponda regolarmente e questo non ti fà riflettere ? Appena ti risponde un altro ovviamente tu lo sommergi di insulti da scaricatore di porto dato che non sai fare altro e sei pure convinto che chi urli di piu’ e chi insulti di piu’ alla fine abbia ragione.

    Io ti rispondo perchè sono un pirla, ma mi fai torcere le budella con le tue idee e le tue teorie da rivoluzionario sessantottino figlio dei fiori e dell’Hashish delle balle.

    Se io devo crescere, come è giusto che sia dato che non si finisce mai di imparare, tu da “detentore dello Scibile Umano” devi scavarti la fossa dalla vergogna, ma per farlo prima dovresti almeno renderti conto di quello che dici.

    Fattene una ragione, sei fesso e trombato, ce ne sarà pure un motivo !

    E ti avevo anche detto piu’ di smetterla di usare il blog per una partita a solo con me, ma tu nooooooooooooooooooooo ! PIRLAAAAAA !

  40. La BCE certo che si è sostituita ai vecchi istituti di emissione nazionali,ma non riesce a gestire la politica monetaria con la stessa forza dei vecchi istituti di emissione nazionali, in quanto l’Europa Politica non ha la stessa unita’!!!
    Inoltre i paesi come Grecia ,Slovenia, Cipro…
    hanno, oggettivamente creato problemi all’integrazione della BCE che svolge
    tutt’ora con difficolta’ le prerogative dei vecchi istituti di emissione delle singole nazioni!!!
    Non a caso la UE sta passando brutti casini
    e si parla spesso di PROBABILE FINE DELL’EUROPA!!!
    Nel mio intervento precedente parlavo della Fed, che puo’ essere piu’ a pieno titolo equiparato ai vecchi istituti
    di emissione nazionali e che è cosa diversa
    dato il potere differente che ha rispetto alla BCE !!!
    Fai sempre lo stesso errore in ogni risposta…pensi di avere a che fare con dei CRETINI!!!
    Il tuo grado di presunzione è INFINITO!!!
    Sei semplicemente SCEMO!!!
    Hai fatto la fine del tuo gemello MENTALE E CARATTERIALE cioe’ Brunetta!!!!
    Guardati allo specchio e RIFLETTI,perchè
    sei SEMPLICEMNTE un SUPPONENTE e superficiale!!!!
    Non hai nessuna PREDISPOSIZIONE per la COMPLESSITA’!!!!
    Poi, per difendere il tuo nuovo ADEPTO Rolex, spari CAZZATE piu’ di prima!!!
    Alzi la voce, imbrogli le acque e DICI
    stupidaggini!!!

    La RECESSIONE porta al calo
    dell’inflazione!!!

    LA STAGFLAZIONE e lo dice la parola stessa,
    spiegalo tu a quel cretino di rolex se gli vuoi bene VERAMENTE è l’apparente contraddizione che coniuga STAGNAZIONE
    e INFLAZIONE in antitesi a STAGNAZIONE e DEFALZIONE che sono gli aspetti CANONICI
    dell’economia!!!

    Quando c’è dell’invenduto, si abbassano i prezzi per smaltire le scorte e si preferisce anche perdere, per CAPITALIZZARE,vale a dire trasformare le merci in MONETA che puo’ servire per soddisfare altri bisogni!!! (Parascandolo)
    . Questa è strategia commerciale aziendale che nulla ha a che vedere con la politica monetaria di BCE Federal Reservee FMI. Studia!

    Questa non è strategia commerciale aziendale, stupido!!!!
    Questi sono esempi per dimostrare come la
    TANTO DIMENTICATA ECONOMIA REALE permetteva alle vecchie banche centrali
    NAZIONALI di intervenire a regolare e PILOTARE la CIRCOLAZIONE MONETARIA!!!
    Oggi, INVECE, in un’ECONOMIA FINANZIARIA dominante è successo questa CRISI piu’ spaventosa e peggiore di quella del 29,
    dovuta al grande POTERE della Fed , ripeto cosa molto diversa dall BCE!!!
    IDIOTA!!!

    La FED è cosa diversa dall BCE………….
    Povero SOTTOACCULTURATO!!!!!!!

    1. Il sistema della Federal Reserve è un cartello bancario privato
    Non è un’agenzia governativa. E’ di proprietà delle banche che fanno parte del sistema della Fed.
    Non sappiamo quanto ogni banca possiede di questo sistema perchè tutto viene coperto dal massimo riserbo.
    La Fed ammette apertamente di non essere un’agenzia governativa : quando si era opposta alla consegna di documenti richiesta dall’agenzia Bloomberg, nell’aula di tribunale i suoi legali avevano dichiarato che non si tratta di un’agenzia del governo federale e dunque non deve sottostare agli obblighi del Freedom of Information Act.

    2. La Federal Reserve è una macchina fabbrica-debiti
    Fino a quando esisterà il sistema della Fed, il debito del governo americano continuerà a crescere. Gli Stati Uniti sono al loro terzo Quantitative easing, la stampa di moneta che di fatto crea nuovi debiti.

    3. La Federal Reserve ha distrutto il 96% del valore del dollaro USA
    Dal 1900 a oggi il dollaro ha perso il 96.2% del suo valore. Un declino che è andato accelerando dal 1913, l’anno in cui fu creata la Federal Reserve.
    La costante espansione della fornitura di denaro implica la perdita di valore della moneta. Negli USA l’inflazione è una “tassa nascosta” che erode il benessere della popolazione. Ben Bernanke, presidente della Fed, ritiene che sia positivo avere un po’ di inflazione. Per il prossimo anno prevede di mantenerne il livello al 2%.

    4. La Federal Reserve presta alle banche senza alcun discernimento
    I prestiti segreti accordati alle grandi banche durante gli anni della crisi, nel 2008 e sino al marzo 2009 ammontano a centinaia di migliaia di miliardi di dollari, a tassi d’interesse agevolati.

    5. La Federal Reserve paga le banche perchè non diano prestiti
    Il paragrafo 128 del Emergency Economic Stabilization Act 2008 permette alla Federal Reserve di pagare interessi sulle riserve in eccesso che le banche depositano nei suoi forzieri.
    Così, invece di concedere prestiti pubblici o alle aziende che ne fanno richiesta, le banche preferiscono tenere i soldi al sicuro, guadagnando interessi e con zero rischi.

    6. La Federal Reserve crea bolle economiche artificiali estremamente pericolose
    Potendo decidere i tassi d’interesse, un istituto centrale come la Federal Reserve crea un ambiente dove le bolle finanziarie possono svilupparsi facilmente. Le molte bolle degli anni passati sono il risultato del mantenimento dei tassi artificialmente bassi.

    7. Il sistema della Federal Reserve è dominato dalle grandi banche di Wall Street

    8. Non è un caso che la tassa sul reddito e la Federal Reserve siano state entrambe create nel 1913
    Senza una tassa sul reddito è difficile finanziare i debiti del governo creati da un sistema bancario centralizzato. Le due cose sono state istituite insieme perchè dovevano funzionare insieme.

    9. Le conoscenze economiche dell’attuale presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke sono scarse
    Prova ne sono le sue dichiarazioni – tutte sbagliate – negli ultimi sei anni, sui subprimes, la recessione, l’impiego. Non di rado i media lo definiscono “bugiardo, lunatico, incompetente.”

    10. La Federal Reserve è diventata troppo potente
    Si tratta dell’istituzione meno democratica degli Stati Uniti. Oggi è talmente potente che viene considerata parte del sistema di governo, se non addirittura “il” governo.

  41. Keynes aveva salvato il capitalismo, apportando dei correttivi al Grande Crollo
    che è il titolo del
    libro di Galrbaith per allargare le tue superficili NOZIONI e capire le mie
    ANALISI!!!!
    Ritornando a Keynes, che ha fotografato quella realta’ in maniera corretta, poi,
    non ha fatto altro che, non è poco si intende,che dare la giusta RICETTA introducendo RIFORMISTICI correttivi alla
    mano INVISIBILE non piu’ capace di trovare soluzioni!!!
    Non ha fatto altro che elaborare le ricerche di Marx e soprattutto di Schumpeter che possiamo definire il suo padre “spirituale”!!!
    Le conclusioni del conservatore e antimarxista Schumpeter sono molto simili a quelle di Marx!!!
    STUDIA appunto!!!
    Il nobel Paul Samuelson è stato uno dei piu’ grandi economisti del novecento!!!
    Tu invece, mediocre studente di Economia
    Politica, e lo si vede da come Manipoli o non capisci KEYNES che è stato una delle piu’ belle menti del secolo scorso e, guarda caso aveva tra i suoi collaboratori
    Piero Sraffa amico di Gramsci e fondatore
    del Partito Comunista…
    L’amicizia tra Sraffa e Gramsci non era solo un fatto affettivo!!!
    Percio’ Keynes….è visto come un RIFORMISTA, ma con tutti i limiti del RIFORMABILE!!!
    Schumpeter – Marx – Samuelson …che sono
    studiosi seri, da posizioni POLITICHE differenti, arrivano a soluzioni molto prossime!!!
    Anche Keynes,pur avendo TROVATO la
    soluzione dell’INTERVENTO dello stato in
    Economia non ha fatto altro che CONTRADDIRE
    la SCARSA INTELLIGENZA del sitema capitalistico che CRITICA!!!!
    non nè CANTA le lodi!!!
    Da’ SOLUZIONI!!!!

  42. La FED è cosa diversa dall BCE………….
    Povero SOTTOACCULTURATO!!!!!!! (Parascandolo)

    E non ti passa nemmeno per l’anticamera del cervello che BCE, FED e FMI lavorino braccio a braccio prendendo decisioni condivise?
    Ma tu dove vivi?

    Keynes ha detto chiaramente e lapidariamente che per far girare l’economia le tasse non devono incidere oltre il 25% del reddito. Allora tu adesso, Sig. Sapientone, mi spieghi in modo assai semplice come si possa mai fare questa banale operazione se lo Stato butta dalla finestra ben piu’ di quanto incassi e che non accenni a risolvere questo problema della carta del formaggio, ma anzi si continui bellamente ad aumentare tutto, dietro saccente consiglio addirittura dei cosiddetti esperti dell’UE, che invece di dire di eliminare il superfluo si raccomandano di trovare altre strade per aumentare le entrate!

    Sapientone dei miei stivali. Non mi occorre dire altro se non capisci nemmeno che per non perdere acqua, invece di aprire sempre di piu’ il rubinetto non tappi il buco che c’è sul fondo della vasca. E pretendi pure che io ti risponda? Sei penoso.

  43. La tua mente ormai è completamente ottenebrata dal superato pensiero ideologico, quando addirittura il tuo Bersani ha tuonato in Parlamento che le ideologie sono finite e che continuare a farsi scudo delle ideologie oltre ad essere sbagliato è anche pericoloso.

    Poi la tua mente è completamente bruciata e accecata dalla rabbia e dal rancore della lotta di classe. Lotta che ormai considera sbagliata anche la classe operaia.
    Solo tu e la Camusso ci credete ancora, malgrado anche le altre sigle le facciano capire che sta sbagliando su tutta la linea e sta inutilmente cercando di farglielo capire anche il Governo tecnico che è stato costretto a dire che ascolterà le parti sociali, ma poi deciderà autonomamente. E secondo te questo cosa vuol dire se non che vengono considerati come il 3 di fiori a briscola?
    Basta sentirla parlare, sembra di sentire te.

    Pensa che ha fatto scappare da Confindustria addirittura la FIAT ed ora sta pensando di defilarsi anche Finmeccanica.

    Oh si, certo, avete ragione da vendere !!!

  44. Che il FMI la BCE e la FED lavorino insieme???
    Certo, ma fa parte della critica che fanno
    i MIEI compagni no-global!!!

    Quando poi si va piu’ in fondo si vedono bene le differenze e le responsabilita’ rispetto alla complessita’ delle cose!!!

    E ti dicevo che in occidente, la RECESSIONE
    in cui sta entrando la Grecia – la Spagna – il Portogallo – l’Italia…sono il giusto prezzo che bisogna pagare per SPEZZARE le reni ai popoli che hanno, per motivazioni differenti le ECONOMIE piu’ deboli e dove gli USA la fanno da padrona,
    in occidente OVVIO!!!

    La linea tendenziale è quella di salvare
    i pochi in OCCIDENTE data la ELEVATA concorrenza della forza lavoro INTERNAZIONALE!!!

    I salari negli USA, tranne per i privilegiati, tendono, anche li’ a crollare, e se viene eletto un Repubblicano alla Casa Bianca vedremo cose atroci altro che Bush Junior!!!

    La guerra verra’ ESPORTATA per i prossimi
    30 anni e completare il progetto di quelle
    CANAGLIE al potere fino a prima di Obama!!!

    Tu hai affari da difendere nelle compagnie di armamenti???
    Se leggessi almeno il CORRIERE DELLA SERA
    capiresti anche tu!!!

    Io ero un assiduo lettore del Manifesto fino a poco tempo fa e ho capito tante
    sfumature che la solita stampa o la solita televisione non spiegano!!!

    Non è il Vangelo, ma è sana controinformazione CONTRO il processo di OMOLOGAZIONE a cui sei avvezzo anche tu!!!

    L’IDEOLOGIA dominante è quella dell’individualismo sfrenato e il grido di Celentano, l’altra sera, senza divinizzarlo,ma rispettando l’intelligenza
    di sua Moglie che è donna NOTEVOLE per acume, era indicativo e DOLOROSO al tempo stesso!!!
    Percio’ la frase di Samuelson!!!!
    Altro che IDEOLOGIA!!!
    Percio’ Schumpeter!!!
    Percio’ Marx!!!
    E purtroppo, percio’ Hitler, Berlusconi, Bush!!!
    Chissa’ se Bersani se ne è ACCORTO!!!

  45. che razza di MERDA sei!!!

    Scritto da: Giuseppe Parascandolo | 20.02.2012

    Penso che a questo punto Matteo abbia ragione. Sulla forma e sulla maleducazione. Si possono dire le stesse cose, con la stessa forza e convinzione, ma in modo ben diverso.
    Io sono convinto che non ti risponderà piu’. Forse farà ancora degli interventi, ma non rivolti a te. Credo e spero, per alleggerire il blog. Non se ne puo’ veramente piu’.

  46. Che non risponda piu’, fa benissimo!!!
    Che, invece, si permetta di prendere per il culo…e roba da prenderlo a SCHIAFFI!!!
    Per quanto riguarda te, Rolex, che pensi di eliminare il sottoscritto, definendolo
    pagliaccio, posso anche tollerare rispondendoti con un CRETINO e facendoti la lezioncina su inflazione – recessione ecc…
    Se pensi che Matteo sia il professore in tua difesa!!!
    Bene!!!
    Rimani SODDISFATTO DELLE PERLE affermate e
    buona fortuna!!!

Lascia un commento