Di Pietro e il Porcellum

La Consulta boccia il referendum sulla legge elettorale e Di Pietro getta benzina sul fuoco: “E’ un favore al capo dello Stato”

Referendum respinti: e adesso?

INFOGRAFICA La legge elettorale “Porcellum”

(la Presse)
di pietro,porcellum,legge elettorale,referendumDel maiale, si sa, non si butta via nulla. Infatti, come previsto, la Corte costituzionale ha bocciato i due quesiti del referendum abrogativo della legge elettorale “Porcellum“, nome dato dal professor Giovanni Sartori dopo che Roberto Calderoli, firmatario della legge, la definì lui stesso “una porcata”.

Le firme raccolte per il referendum sono state oltre 1 milione e 200 mila, più del doppio di quelle necessarie. Il governo allora in carica disse che non potevano non essere considerate. E ora? La parola dovrebbe appunto passare alla politica e ai partiti, entrambi in un momento di vuoto pneumatico. Ad essere ottimisti, nel 2013 si tornerà a votare con la legge che a parole quasi tutti odiano, ma che alla fine è ancora viva e vegeta.

In attesa che parta il valzer di chi dirà che bisogna riformare la legge contrapposto a chi dirà di no, ci pensa Antonio Di Pietro, a guida con Arturo Parisi del comitato promotore dei referendum, a gettare benzina sul fuoco: “Quella della Corte non è una scelta giuridica, ma politica per fare un piacere al capo dello Stato, alle forze politiche e alla maggioranza trasversale e inciucista che appoggia Monti, una volgarità che rischia di farci diventare un regime”. Niente male, detto peraltro da un ex Pm. La volgarità di cui parla Di Pietro è stata prontamente respinta al mittente dal Quirinale, che bolla la sua dichiarazione come “volgare insinuazione”. Noi ci limitiamo a dire che, di questo passo, il Porcellum avrà vita lunga.

Di Pietro e il Porcellumultima modifica: 2012-01-12T14:55:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Di Pietro e il Porcellum

  1. Mi dispiace per il presidente Napolitano
    che è stato abbastanza abile nella scelta di Monti, ma Di Pietro, ha le sue valide ragioni
    POLITICHE e non politicanti come spesso, hanno dimostrato i vecchi TROMBONI della Sinistra STORICA. La legge elettorale PORCELLUM accontenta la DESTRA di Berlusconi,
    ovvio, e la “sinistra” di D’Alema: l’immarcescibile!!!
    Gli scontenti???
    Gli elettori sempre piu’ SUDDITI e divisi
    tra: il MAFIOSO di Arcore, ben capace di difendere COSENTINO prezzolando i LEGHISTI
    che forse, tra poco, verrano GHIGLIOTTINATI dalla loro Base,e i CRETINI
    del centro-sinistra guidati dal PLURISCONFITTO D’Alema, OCCULTATO dietro il “bravo ragazzo” Bersani!!!
    Questa è la REALTA’ amara !!!
    Monti anche se fosse il PADRETERNO, e non lo è, pur avendo fatto molto per RIACCREDITARE la nostra povera NAZIONE,
    si trova tra mediocri e ACCATTONI della politica che vedrei benissimo, come penso la maggioranza degli italiani, a zappare la terra!!!
    Solo coi forconi possiamo SCONFIGGERE
    questi CIALTRONI E MAFIOSI!!!

  2. Questa volta sono pienamente d’accordo con Di Pietro. Sanno anche nel PDL che quella legge elettorale è un vero porcellum, ma ovviamente gli sta bene cosi, in modo che alle prossime elezioni saranno ancora loro e solo loro ad essere eletti . Sempre ammesso che ottengano la maggioranza. Ma anche la sinistra plaude in silenzio, al di la delle sceneggiate da operetta. Se altrimenti sanno che andrebbero tutti a casa.

    Ebbene Parascandolo, in questo caso salgo con te sulle barricate. E se provassimo a votare IDV alle prossime elezioni ? Ormai siamo allo sbando, non sappiamo piu’ a quale santo votarci.

  3. Da parte mia, che spesso non sono andato a votare, nelle ultime competizioni elettorali,ho votato anche per Di Petro.
    Nel 2008 per quel cretino di Veltroni, ma cosa potevo fare per essere contro il mafioso Berlusconi???
    Anche se i maggiori responsabili della caduta di Prodi, che, anche se impopolare, perché doveva coprire,in Europa, le rovinose FINANZIARIE del commercialista Tremonti, i maggiori responsabili, oltre che Mastella e Dini, ovvio, furono proprio le “prime donne” del PD con le primarie a favore di Veltroni, che si monto’ la testa per RISCATTARSI,IL FRUSTRATO, nei confronti di D’Alema suo storico ANTAGONISTA!!!
    Al senato, mi sembra, votai o Rifondazione
    o…, non ricordo… qualche altra formazione
    di estrema sinistra… mi pare???
    Sempre dovendo subire, appunto come sudditi, IL PORCELLUM!!!

  4. Di Pietro versus Capo dello Stato.? Perde Di Pietro.!!! Ha perso, ancora una volta, l’occasione di stare zitto.!!! Ci sarà pure una ragione costituzionale perché la Consulta bocci entrambi i Referendum.!!! Senza voler fare il piacere a nessuno.!!! Si tratterà di avere pazienza e aspettare il momento di mettere d’accordo chi di competenza per cominciare a parlare di riforma della “porcellum”, nella misura in cui non se ne metta in campo una peggiore.! Grido unanime popolare è.: Una sola Camera – proporzionale pura, senza alcun premio di maggiorazione – possibilità di poter indicare almeno una preferenza – nessun sbarramento – nessuna indicazione, a priori, di chi dovrà governare.!!! Come dire.: Un Governo tecnico ed un Parlamento politico rappresentativo, dove ogni eletto è autonomo nelle decisioni, senza dover rispettare nessun ordine di scuderia.!!!

  5. Siamo al punto che l’unico che combatte veramente contro questi cialtroni e quel contadino di Di Pietro,e ha veduto giusto anche nel non dare subito la fiducia a Monti.Bersani ha fatto la figura dello stupido dicendo che sostiene Monti per un atto di responsabilità,ora che ha tartassato i poveretti ti prendi anche questa di responsabilità?ero uno che con familiari e parenti circa una decina ti davamo il voto,ora ti anticipo che puoi scordartelo e se continui così rimarrai tu Bersani,Rosy,e Letta,auguri.

Lascia un commento