La fredda Prestigiacomo

Mentre le città soffocano per lo smog, il ministro per l’ambiente pensa di abbassare i termosifoni
Fotogallery di Stefania Prestigiacomo

prestigiacomo-ministro.jpg “Ormai facciamo tutti gli americani. Vogliamo stare in casa in magliettina anche se fuori nevica. Non si può avere tutto. Se ci teniamo alla salute dobbiamo modificare i nostri stili di vita”. L’ha detto un istruttore di corsi di sopravvivenza? No, il ministro per l’ambiente Stefania Prestigiacomo a proposito di inquinamento e smog. Cosa propone Stefi? Cambiare le caldaie vecchie, ma non solo: abbassare le temperature del riscaldamento di casa. Una nuova selezione naturale per uno dei paesi con più anziani al mondo? Anche, forse.

Ma l’emergenza smog si combatte abbassando i riscaldamenti o, magari, agendo anche sulle auto? Certo che sì, risponde Prestigiacomo, che però precisa: “in assoluto, i limiti sulle polveri sottili imposti dall’Unione europea sono troppo bassi. Non si possono superare la media di 40 microgrammi per metro cubo per 35 giorni, in tutto l’anno. Milano soltanto nei primi 24 giorni di quest’anno li ha superati già 18 volte”. Come a dire, non è colpa nostra se l’Europa è cattiva.

Nel frattempo, a Milano la giunta si divide sull’emergenza smog. Letizia Moratti, come sempre imperturbabile, snocciola i dati sull’Ecopass. Il vicesindaco De Corato prende tempo per “evitare inutili allarmismi”. Come se i vertici (inutili, ahinoi) sul clima fossero materia dell’altro ieri. La Lega, con Matteo Salvini, chiede targhe alterne per almeno un mese e allestisce dei gazebo per raccogliere il parere dei cittadini. Attenzione all’ “effetto primarie“: potrebbe essere proprio la base a decidere che le prime case a dover essere raffreddate, se non spente, siano quelle di donna Letizia e di Stefania Prestigiacomo.

 

La fredda Prestigiacomoultima modifica: 2010-01-27T12:09:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

20 pensieri su “La fredda Prestigiacomo

  1. …eh sì siccome a regime normale in casa si sta in canottiera anche a dicembre/gennaio…
    inoltre mi domando: e quest’estate cosa t’inventerai?! la rottamazione dei condizionatori e in omaggio ai primi 100 un simpatico ventaglio di carta cinese?!

  2. Ma non sarebbemeglio vietare l’uso dell’auto?
    Troppa gente la usa da fare schifo,per ogni cosa:spesa,lavoro,scarrozzare bambini,ect.
    Ci credo che l’aria è pessima!

    Il colmo è che poi la gente si lamente perchè è grassa o con fisici orribili…basta andare a piedi!
    Io:mai avuto auto e vivo benissimo!

  3. E Si…. si fa presto a parlare… la prestigiacomo vive tra roma e la sicilia dove i termosifoni li accendono 2 ore al giorno (chi li ha) venga a vivere in lombardia!!! Ma un pò di progettualità a lungo termine invece di sparare idee per tamponare?

  4. Il governo dovrebbe prima ridurre i consumi nei palazzi pubblici dove i dipendenti si permettono addirittura di tenere la finestre aperte ma non di abbassare il riscaldamento, tanto i soldi non li mettono loro ma i contribuenti che pagano le tasse ( quelle vere ).

  5. god
    come al solito il problema sono sempre le macchine eh?! c’è inquinamento in città? benissimo: chi arriva da fuori si muove a piedi!
    a milano siamo un milione e mezzo circa di residenti ma dal lunedì al venerdì il numero di persone in giro per la città raddoppia: questo significa che entrano un altro milione e mezzo di persone e quasi tutti in macchina… comodi loro, entrano, inquinano e poi se ne tornano in provincia lasciando qua rumore, polveri sottili e traffico. dopodiché io perché vivo in città spendo una vagonata in tasse per vivere nello smog, mi obbligano a cambiare auto aogni 3 anni per poter girare liberamente NELLA MIA CITTA’ senza il timore di incorrere in contravvenzioni e controlli vari… gli altri che hanno deciso di andare a vivere fuori arrivano con i loro suv (regolarmente uno alla volta), fanno i loro porci comodi e alla sera tornano nei loro paesini sperduti. facile così! LA MACCHINA LA LASCI A CASA!! HAI VOLUTO ANDARE A VIVERE FUORI?! ARRANGIATI.

  6. Ma questa e’ fuorissimo…PIUTTOSTO abbassati lo stipendio che e’ regalato.Ci sono tremila problemi urgentissimi nel paese e queste sparano solo cavolate.Possibile che la gente NON si svegli,il paese e’ al degrado piu’ assoluto su tutti i servizi,sul lavoro sulle ruberie…continue,non c’e’ piu’ rispetto e onesta’ di niente.

  7. Riscaldamento, circolazione.: Non c’è soluzione che tenga se non viene toccata la tasca del Cittadino.! L’abbassamento di un grado della temperatura ambientale non fa altro che mantenere in esercizio i generatori più a lungo per compensare le perdite termiche.! Per ridurre la circolazione, è necessario che l’intera Comunità non soffra di più dell’inquinamento.! A mio avviso, una strada percorribile sarebbe quella di coinvolgere direttamente i Cittadini, per una indagine conoscitiva, inserendo, tra le proposte, anche l’aumento “proporzionale” (iperbolica) di una tassa sui carburanti responsabili dell’inquinamento e verificando successivamente i benefici prodotti.! Se i Cittadini rispondono picche, lasciare che il mondo crolli a scatafacio.!!!

  8. @bryh
    eh siccome già il carburante costa una stupidata… allora, hanno tolto la benzina rossa perché dicevano che era inquinante (non più della verde), poi hanno messo la verde, poi il filtro antiparticolato, poi hanno iniziato a stracciare le palle sul diesel, hanno inventato gli ecodiesel, poi i motori euro 2, 3, 4, 5, 4567675….
    intanto nei cieli volano boeing 767 che scaricano tonnellate e tonnellate di gas derivanti dalla combustione del kerosene, taluni stabilimenti sbuffano fuori fumo a tutt’andare e in tutto questo il cittadino deve sempre essere il primo (e/o l’unico) a pagare…

  9. @simone – Grazie per esserti soffermato anche sul mio commento.! Fin dagli anni 1960 (siamo ai primordi) e cioè da quando si cominciò a leggiferare sull’inquinamento delle acque e del territorio dovuto agli scarichi civili ed anche industriali, mi sono interessato del problema per motivi professionali, per conto della grande Azienda presso la quale prestavo servizio.! Qualche risultato è stato ottenuto, ma molti sono stati vanificati, per diversi motivi.! Per l’inquinamento atmosferico, confesso, non sono stato mai in grado di formulare una soluzione valida ed applicabile.! Da qui, in mio commento suddetto.! Ciao, ciao.!

  10. @bryh
    di nulla, siamo qui per chiacchierare e magari confrontarci.
    quello che più mi fa pensare è il dato scientifico per cui 2 secoli fa, all’inizio dell’industrializzazione, pare ci fosse molto più inquinamento e polveri sottili di oggi… a milano domenica ci sarà blocco totale, provvedimento grottesco se si pensa di ristabilire i valori accettabili in un colpo solo, non fosse per il fatto che dal lunedì al venerdì entrano in città talmente tanti veicoli che arrivano dalla provincia, al contrario nel weekend il traffico (escludendo forse il sabato sera ma solo per qualche oretta) è decisamente più contenuto. quello che detesto da milanese-milanese (perché io qua ci sono nato e cresciuto e non non intendo andare a vivere fuori) è che io debba rinunciare a girare in macchina per la mia città di domenica quando TUTTI GLI ALTRI che inquinano arrivando da fuori torneranno puntualmente il giorno dopo a sgasare e intasare le strade.

  11. casualmente ho letto i commenti di questo forum.Sono di un qualunquismo impensabile anche in regime oclocratico.
    Per uno, basta aumentare gli stipendi.. ma con i soldi di chi ? altri vorrebbero che altri rinunciassero ai SUV ( e in questo caso concordo) La cosa strab
    na è che sempre ” altri ” devono fare qualcosa, gli scriventi sono esonerati, per diritto di casta, come i magistrati.

  12. si deve bloccare i sistemi di riscaldamento nelle case,uffici e tutto il resto a 20 gradi,d’inverno dal sabato al lunedi a piedi o in bicicletta e permessi i veicoli elettrici e solo veicoli pubblici limitati ,ma possibile che la colpa di tutto il male e’ individuale e che tutti siamo colpevoli,impariamo ad amarci uno ad uno a risparmiare,a non guardare i politici,le mode,le volgarita’, e vedremo il cambiamento

Lascia un commento