L’eterno ritorno di Prodi

prodi.jpg

Romano Prodi è come un totem per il centrosinistra. Davvero a 70 anni  è ancora l’unico a poter battere Berlusconi? I sinceri democratici  gli sono devoti. Perfino i nemici riconoscono l’onore delle armi del “Mortadella”. Cadde con voto di fiducia il 24 gennaio 2008. Politicamente un secolo fa, c’era ancora l’Unione.

In realtà, come ha ricordato, nell’ospitata da Fabio Fazio, l’annuncio di Veltroni della corsa solitaria in caso di elezioni anticipate a porre la classica pietra tombale sul suo governo.  «Ho sempre sostenuto che non si doveva andare da soli. Che questo partito doveva essere invece il nucleo fondante della coalizione. Portare nella cultura di governo anche le ali estreme, questa è la democrazia». Un distillato di concretezza emiliana.

Senza fare dietrologie, in tempi in cui Berlusconi rivendica il 43% dei consensi, solo il sentire nominare Prodi fa venire la nostalgia agli elettori di centrosinistra. Già, perché in quindici anni è stato l’ultimo leader a far soccombere Berlusconi per due volte in altrettante tornate (nel 1996 e nel 2006). Il Professore è tornato con la sua bonomia e il suo faccione serafico, prima la tessera del Pd del circolo bolognese,  ritirata insieme alla moglie Flavia, con singolare coincidenza rispetto alle dimissioni di Veltroni, quindi la richiesta di Franceschini di diventare presidente del Pd. Il brevettatore dell’Ulivone, il padre putativo del Pd, acclamato dalle primarie mira a Palazzo Chigi secondo Cossiga. I politologi giurano che il suo ritorno sulla scena mediatica è ininfluente. Poteva candidarsi in Belgio. Il futuro lo vedrà ancora impegnato in Italia?

L’eterno ritorno di Prodiultima modifica: 2009-03-16T18:55:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

24 pensieri su “L’eterno ritorno di Prodi

  1. In Egitto scavano ancora,è trovano! Quì scaviamo nel vecchio terrreno arido della sinistra,è che troviamo? Niente!
    La sinistra è fallita grazie proprio a loro.Solo critiche.
    L’Italia dagli anni 60 è stata affetta da consumismo,poi la globalità,e l’allargamento indiscriminato dell’Europa a fatto il resto.
    E non sarà la sinistra con le idee di Franceschini,a sanare e proporre cose assurde,addirittura infantili

  2. Romano mi rattrista pensare che gli italiani ancora si permettano di disquisire e fare battute idiote su di te. Non ti meritano. Vogliono sprofondare nella fiction politica con ripercussioni gravissime sulla società. Ormai i furbi farabutti hanno preso il sopravvento ed i deboli sono precipitati nello sconforto e contribuiscono alla devastazione senza reagire. E’ veramente molto triste, siamo allo sfascio e continuano a credere nelle balle mediatiche che sistematicamente gli propinano. Non ti chiedo di tornare perchè questo popolo di pecoroni non ti merita, vogliono l’unto del signore per sprofondare come è successo negli USA con Bush. Ancora abboccano al nero contro il rosso mentre i banditi si aggiustano le loro cose a discapito di tutti. Buona fortuna e grazie.

  3. Bravo Romano! NON lasciarti abbindolare. Lasciali tutti nel loro BRODETTO insipido. Vedi, adesso che non ci sei più va tutto bene, Madama la Marchesa e si sentono appagati dalle loro azioni eroiche portate a termine durante la scorsa legislatura, come quella di aver causato il tafferuglio nei bagni delle donne a Montecitorio. Adesso , silenziosi e riverenti, appagati dal fulgore del Santo Incantatore, non dicono più niente, mentre quando c’eri tu non andava mai bene niente e un giorni si e l’altro pure scendevano in piazza per protestare contro le decisioni del tuo governo (di cui facevano parte) perchè “remavano contro” la “lotta di classe” ( ma anche ai loro interessi). All the Best for your retirement.

  4. Il 30/5/2007 inviavo al Presidente del Consiglio Romano Prodi la sottostante lettera. Naturalmente non si è mai degnato di rispondermi.
    Ma chi ha voglia di leggerla, si accorge di quanta vertà io un anno prima avevo intuito.
    Oggi dopo tutti i danni che il Prof. Prodi a indirettamente provocato agli italiani e alla democrazia, farebbe cosa utile al paese, fare come ha già detto in passato: il nonno e il pensionato “D’ORO”.
    E se lo può permettere.

    Ill.ssimo Sig. Presidente

    Oggetto: disfatta di un progetto

    Inizio con una breve premessa. Io sono stato un suo ammiratore, quando alcuni suoi alleati d’oggi, la chiamavano Fascista-servo della DC(si sa in politica si cambia spesso opinione).
    Quando lei scese in politica con il progetto dell’Ulivo, da semplice cittadino ho abbracciato quel sogno, schierandomi a favore col mio umile voto tutte le volte che sono stato chiamato a votare.
    Il mio sogno era: “L’ULIVO” diventa un unico partito!!!.
    Come tutti i sogni anche questo è quasi svanito, o quanto meno non è più il mio(credo che non lo sia più di tanti altri italiani delusi come me).
    Ho iniziato a perdere fiducia nella sua persona e nel progetto del Partito unico, quando:
    1) Non ha aderito alla Margherita, formazione politica fondata e voluta anche dalla sua volontà;
    2) Quando ha voluto a tutti i costi le
    3) primarie (la più grande farsa che poteva essere fatta. Le spiego il perché ponendogli una semplice domanda: Si è mai chiesto se fossero scesi in campo nelle primarie Fassino, Rutelli, Veltroni, O Mussi; il risultato plebiscitario sarebbe stato lo stesso? Io credo di no, lei l’investitura se la sarebbe sognata.
    4) L fabbrica del programma(programma lungo noioso ed inapplicabile).
    Gli elettori vogliono poche cose concrete e realizzabili, es. i problemi che gli italiani toccano con mano tutti i giorni e che non vedono da parte dei politici ci sia la voglia di risolverli con serietà e concretezza sono:
    A) Sicurezza;
    B) Giustizia;
    C) Lavoro;
    D) Scuola;
    E) Burocrazia inefficiente;
    F) Vere liberalizzazioni(non fantasie come quelle di Bersani, senza ombra di smentite per il momento si sono dimostrate solo penalizzanti per i cittadini, sono pronto a dimostrarlo concretamente nei fatti );
    G) Lotta Seria alla Evasione Fiscale e soprattutto alla Elusione Fiscale;
    H) Adeguamento dei salari al reale costo della vita (milioni di operai, di lavoratori non arrivano più a fine mese, le finanziarie sono cresciute come funghi negli ultimi anni);
    I) La fine delle baronie, che non danno spazio ai giovani e a chi non ha la fortuna di avere amici che contano.
    Come vede non cera bisogno di scrivere un programma lunghissimo e noioso, e sono più che convinto non l’hanno capito nemmeno chi l’ha scritto e sottoscritto.
    5) La pessima campagna elettorale, tutta rivolta all’estrema sinistra dimenticandosi che in Italia vi è un grande partito che pur non avendo leader è il partito maggioritario, cioè gli astensionisti, entrare nella trappola dell’avversario cioè controbattere Berlusconi sul piano dell’immagine(lo sanno anche i bambini dell’asilo che per il momento in Italia in questo campo non ha avversari;
    6) La pessima immagine che si è data nel conferire gli incarichi istituzionali e nella stessa formazione del governo;
    7) L’approvazione dell’ultima finanziaria (la peggiore approvata dal parlamento italiano della storia repubblicana. Non serviva scomodare Padao-Schioppa per emanare una così demenziale finanziaria, bastava conferire l’incarico di ministro del tesoro ad un semplice cassiere/tesoriere di un centro sociale, avrebbe partorito una legge finanziaria magari più pesante ma sensata);
    8) Arriviamo al futuro o presente partito Democratico? Se la nascita sarà come la gestazione è destinato a morire prima di nascere.
    Dopo dieci anni di attesa per la nascita del Partito –Democratico dove tutto si è fatto tranne che discutere e far discutere soprattutto i futuri aderenti ci si è trastullati. Ora di punto in bianco i vuol dare uno sprint finale, per usare una metafora ciclistica: come far fare una volata ad uno scalatore puro.
    Il caso Mussi lo dimostra. Io circa un anno fa avevo chiesto di fare degli incontri con le basi dei due partiti politici che avrebbero dato vita al PD, aspetto ancora risposte.
    Qualcuno mi dirà: negli ultimi mesi ci sono stati convegni dibattiti sul tema. Io gli rispondo che più falsa demagogia non si può fare, perché quando ad un dibattito che dura circa due ore e ci sono sette oratori lascio fare i conti di quanti minuti sono lasciati per far aprire la bocca ai partecipanti.
    A mio avviso, se si vuole un partito con questi termini e condizioni, si può andare tranquillamente nelle vicinanze degli stadi ed assumere le varie tifoserie di turno. In questo modo non si esprime la Democrazia.
    9) Per ultimo questa coalizione è unita finché Berlusconi e leader dell’altra coalizione nel momento in cui quest’ ultimo capirà che se abdica se si mette in disparte, il collante che tiene unito il centro-sinistra, perde la sua coesione. Purtroppo passeranno cinquantenni prima che il centro sinistra torni a governare.

    Giuseppe Castellano

  5. Sono stato sempre vicino e lontano dal PCI.
    Mi spiego: vicino perché la sintesi migliore la esprimeva
    questo partito, nella sua globalita’ perché pieno di operai
    e contadini che volevano cambiare per se stessi e per lo
    stato; lontano perchè, molto spesso, le ambiguita’ di palazzo
    dei BUROCRATI e non veri dirigenti,mi ha fatto litigare a morte
    in maniera PESANTISSIMA.
    Il fenomeno “PRODI” in maniera relativa lo avevo gia’ vissuto
    al mio piccolo paese sulla Costiera Amalfitana, alla fine degli
    anni sessanta inizio settanta, quando, appunto la ambiguita’
    dei dirigentucoli locali aveva determinato atteggiamenti simili
    verso il Prodi antelitteram che veniva dalla D.C., ma odiato
    e amato a sinistra.
    Conclusione ??? Il PCI di fatto disintegrato e connivente col
    Ras del posto: un sindaco speculatore edile che fece il sindaco
    per trent’anni proprio come Berlusconi!!! Gli stessissimi meccanismi
    dove molti dirigentucoli del’allora PCI facevano i PORCI comodi loro!!!
    La mia stima nei confronti di Prodi è INFINITA!!!
    Ma i postpci di OGGI sono gli stessi IDIOTI di allora nel mio paese Minori
    sulla bella Costiera Amalfitana!!!
    Caro Romano che ho conosciuto a Ravello a meta’ degli anni novanta
    in un SUBLIME convegno tra i GRANDI economisti italiani,mi
    dispiace tanto, anch’io vengo dalla scuola di Siro Lomardini,
    di Spaventa, di Graziani, di Sylos Labini,di Jossa, di Di Matteo,
    di Caffè, anch’io ho fatto studi di Economia Politica,ma i MEDIOCRI
    che girano a SINISTRA sono IMMORTALI!!!

  6. Prodi ha fatto bene a non ricandidarsi perchè lui voleva una repubblica
    più equa e razionale ” Redistribuzione dei redditi ” e ” la lotta all’ evasione
    fiscale ” cambiando persino il Generale .. . Ma la destra e la sinistra si
    è rivoltata contro. Una repubblica fatta di partiti ” rappresentativi ”
    uniti da un proramma sottoscritto da tutti e così via. A tradirlo è sempre
    stata la sinistra e ora fa bene ad essere coerente con se stesso.
    Se esistono carte-sociali come al tempo di Mussolini è perchè non si
    è voluto Prodi e la sua politica, ora fate l’ elemosina a Berlusconi fino
    a quando dura, poi piangete su voi e i vostri figli perchè la crisi durerà.

  7. Prodi ha fatto bene a non ricandidarsi perchè lui voleva una repubblica
    più equa e razionale ” Redistribuzione dei redditi ” e ” la lotta all’ evasione
    fiscale ” cambiando persino il Generale .. . Ma la destra e la sinistra si
    è rivoltata contro. Una repubblica fatta di partiti ” rappresentativi ”
    uniti da un proramma sottoscritto da tutti e così via. A tradirlo è sempre
    stata la sinistra e ora fa bene ad essere coerente con se stesso.
    Se esistono carte-sociali come al tempo di Mussolini è perchè non si
    è voluto Prodi e la sua politica, ora fate l’ elemosina a Berlusconi fino
    a quando dura, poi piangete su voi e i vostri figli perchè la crisi durerà.

  8. Per ventidue mesi è stato Presidente del Consiglio, disilludendo gli elettori. In campagna elettorale, lui e Fassino, gridavano ai quattro venti la priorità delle famiglie, dei giovani, dei pensionati: non ha fatto niente per loro, mentre le bollette dei servizi pubblici amentavano a vista e si contiunuava a dire: le famiglie non arrivano alla terza settimana! Prometteva grandi cose per fine anno ai pensionati: quando è arrivata la tredicesima, a Natale, ho scoperto che mi erano state sottratte 400 Euro per maggiore prelievo fiscale! Grazie, a nome della mia famiglia che stupidamente l’aveva votato. Veltroni non ha saputo, assieme a Fassino, convocarlo in Segreteria e dirgli: “o attui gli aiuti per le famiglie ed i pensionati, oppure ti dimetti. Se non lo fai ti togliamo l’appoggio politico”. Adesso, col suo ritorno nel PD, sarà la causa della sconfitta alle elezioni europee 2009: i compagni traditi non dimenticano che col suo comportamento ha consegnato l’Italia alle destre per almeno altri venti anni. Ciao.

  9. X Maurizio-Palermo.
    Sono stato in dubbio se risponderti o meno.
    Poi mi sono deciso e,caro compagno,non accetto le tue corbellerie.
    Aumentare le tasse è una manovra tipica dei governi di centro-sinistra.
    Quando Prodi propose l’abbattimento del 30% dell’appannaggio ai parlamentari,nessun “compagno” Veltroni o Fassino o Bertinotti,che a Ballaro’ disse che in privato era amico di Berlusconi (Disgusto totale),accetto’ un rilancio del governo per poter uscire dalle secche
    dell’impopolarita’ accumulata per rientrare nei parametri europei.
    Perché???
    Perché ti fai ancora annebbiare dai PICCOLI opportunisti Fassino,
    Veltroni e magari la Melandri (la “compagna amica” e presenzialista alle
    feste dello squalo Briatore)!!!
    Sveglia caro compagno impara a distinguere i Compagni dagli OPPORTUNISTI!!!
    I compagni dai PARVENUS che una volta si chiamavano,”comunisti”!!!
    Le analisi falle col cervello e molto sano REALISMO!!!!
    Infine e scusami per il mio “paternalismo” leggi attentamente il mio intervento precedente !!!
    Te lo dice un compagno che i Burocrati li ha conosciuti molto da vicino
    e formatisi alla scuola di un DEPLOREVOLE stalinismo che ancora
    vige ed impera, purtroppo, a sinistra!!!
    Romano Prodi riceve, continuamente, riconoscimenti Honoris-Causa
    in tanti paesi ex terzomondisti!!!
    Veltroni o Fassino rimangono i soliti PROVINCIALOTTI pensando di
    Guidare le Masse???

  10. La verità Prodi la porta con sè, ma chi sa cosa c’ è dietro le
    righe di ciò che appare sa che gli altri anche se morissero di fame
    non rinnegano le lro idee. La verità di prodi parte da Moro e
    hanno odiato Prodi come hanno odiato Moro solo che oggi non
    serve sparare si uccide un politico con mezzi diversi.
    Prodi è morto politicamente da Mito non da infame e ha visto
    gli occhi di chi l’ ha ucciso politicamente, e l’ ha mangiato.
    Nessuno a sinistra può colmare Prodi tra quelli che ci sono, così
    si vaga nelle tenebre di interventi urgenti ma non c’ è più una
    visione futura il futuro è buio e oscuro. Se si continua così arriverà
    la rivoluzione civile allora capirete il volto nascosto dell’ America,
    del Vaticano, e dei Comunisti di oggi diventati Gay dimenticando che
    Stalin, Lienin, Togliatti,……, non sono Gay , mentre oggi essere
    Comunista, PD, Idv, sembra di essere Gay. Il vizio ha ucciso la
    sinistra in senso assoluto, soldi, sesso, potere, …. .

  11. Non credo che Prodi intenda di nuovo rientrare nella baraccopoli del PD,anche se ne avrebbe diritto,dal momento che è stato il padre,e vederlo ridotto in uno stato comatoso,la voglia di ossigenarlo,inocularci una iniezione di buon senso,sia una grande tentazione,però ciò malgrado,non penso sia una buona soluzione,perchè troverebbe le solite vecchie liti,tra ex DC e ex DS,o(PCI)inoltre troverebbe i soliti vecchi…….Cè bisogno assoluto di ringiovanire la classe dirigente,signori anziani fate un psso o due indietro,ne va della soppravivenza del PD,mettete la vostra esperienza al servizio del nuovo,ma solo quella grazie

  12. Hanno ragione quegli st…i di destra.
    Noi di sinistra siamo solamente dei minchioni!
    Veltroni veste Brioni e và alle feste del cinema, D’Alema và in barca e che barca (ha detto che si vede come un uomo dell’800, il computer non gli piace, poverino come lo capisco!), Letta….la famiglia Letta da consulenze ai più grandi capitalisti e da molto gestisce il potere….quello vero….Bertinotti veste Missoni e manda i nipoti nelle migliori scuole private CATTOLICHE. Bersani nato e svezzato dal partito, legato anima e corpo alle COOP, quelle che contano, parla tanto e ben poco fa per i cittadini. I Vari Diliberto se si suicidano fanno un piacere al paese, oltre che al partito.
    Le nostre “TESTE PENSANTI” sono degli intellettuali tutto UTOPIE e niente pratica. Sanno criticare, seminare invidia, odio, ma SOLUZIONI CONCRETE NULLA! Pallosi, CLASSISTI, snob, con la puzza sotto il naso. Blaterano, blaterano e sono sempre critici. Soluzioni VERE E CONCRETE MAI!
    Però nessuno di queste caricature della politica sa fare qualcosa, se non far perdere pezzi al partito…..
    Ed allora? P R O D I!
    .zzo! Ma per toglierci dalle spalle certa gente possiamo sperare solamente nella morte?
    Per vedere dei bravi giovani, entusiasti non invischiati nei giochi dei capital-comunisti-cooperativisti che si deve fare? Arrivare all rivoluzione? Il popolo ha problemi seri ad arrivare a fine mese. Le piccole aziende si vedono sbattere in faccia la porta dalle banche, lo dico per esperienza. Il lavoro, la famiglia, la sicurezza, la casa, la sanità…questi sono problemi a cui servono soluzioni vere. Basta blaterare e mummie che puzzano di stantio. FATTI E NON INTELLETTUALI SNOB SOLAMENTE PRONTI A PARLARETO!

  13. Il Presidente R.Prodi ha fatto benissimo a togliere i sassi
    dalle scarpe che lo tormentavano dal 2007.
    Piuttosto il problema è la lettera del Sig. G.CASTELLANO
    abbastanza inquietante e termina dicendo che berlusca è il collante del centro-sinistra, ma a parte quello i punti
    salienti sono il programma troppo articolato della sx con
    la semplicità della dx.
    Giustizia: ora abbiamo le leggi ad personam
    Intercettazioni: quasi vietate e la malavita ringrazia
    Sicurezza: (tormentone) tagli pesanti alla P.S.
    Sicurezza: mancano i fondi per l’acquisto carburante
    Istruzuine: tagli pesanti all’istruzione
    Istruzione: privata finanziamenti confermati senza tagli
    Sanità: tagli alla sanità e ogni mese aumenta un tuket
    Ricerca: tagli alla ricerca
    Nuove tecnologie: ferme al palo
    Evasione fiscale: tagli ai controlli e aumento forsennato
    Lavoro: viva il precariato
    Lavoro: licenziamenti facili e a raffica
    Lavoro: solo posti da badanti in nero
    Inflazione: senza controlli e a ruota libera
    Alitalia: riguardate i precedenti accordi e inorridite
    Banche: non sanno come propinarci i titoli tossici ma ….
    1.150 euro mensili di aumento ai parlamentari
    Il programma sarà anche semplice , ma gli italiani sono con il c… per terra.
    Che bravi i governanti facciamo il tifo su forza …..
    tutti insieme V*f*an*u*o.

  14. Ormai Prodi appartiene all’antiquariato,in quanto da tutta la vita è stato il plenipotenziario del’IRI poi al Governo varie volte,ed ogni volta è stato presentato come il salvagente d’Italia Ma oggi gli scenari sono cambiati,abbiamo la nuova realtà del pdl che tra contenti e scontenti,vedremo cosa salterà fuori.
    La cosa certa è che queste unioni,o accorpamenti,non sò fino a quanto
    soddisfano gli elettori dei due partiti. Chi conta decide.
    Noi siamo solo strumenti che vengono utilizzati ogni 5 anni.
    Piuttosto speriamo che questa crisi finisca,e si rimetta in moto la macchina produttrice(ma vedendo la trasmisione di Santoro,ho visto un servizio su Siena,sulle fabbrichette cinesi e ho dedotto che nel campo tessile siamo morti.Non riusciremo mai a produrre un geans a tre Euro.

  15. La cultura di governo di questi ultimi 15 anni è fallimentare, si è voluto
    usare l’ Italia per uccidere l’ Europa e impedire che nascesse il 3° polo.
    Il mondo è tornato diviso in due ma l’ Europa deve decidere se morire,
    come ultimamente il Presidente francese a dato a intendere tornando
    nella nato. Chi non vede le grandi manovre cosa capisce di questi 15
    anni ? Lottano nel fango delle sabbie mobili. Chi sa, tace e così prosegue la rovina. In questi 15 anni è talmente chiaro quello che è avvenuto però va bene così. Moriranno di fame se va avanti così e
    adoreranno chi li ha rovinati. Se l’ Europa è morta allora il bipolarismo
    sarà tra Vaticano e Stati Uniti D’ merica contro Russia e Cina questa
    è la conseguenza della morte dell’ Europa. Oggi non c’ è Togliatti così
    c’ è una dittatura occulta come piaceva al braccio destro di Itler.
    La sinistra è morta perchè non vuol vedere la verità.
    Non è escluso che torni l’ autoritarismo, così l’ Argentina ci aspetta.
    Ora attaccheranno i Cinesi forse li bruceranno o chissà quale altra
    atrocità dobbiamo vedere. La colpa è del diverso questo dice il governo, e pensare che in un paese normale è la ricchezza.

  16. Peccato Romano che tu non voglia più combattere per una reale democrazia; prima per colpa dei tuoi “alleati” e poi per quei pecoroni italiani che giudicano un “ricco bandito” come il risolutore dei NOSTRI problemi che non gli posso fregare di meno. Siete licenziati, trovatevi un lavoro: siete in cassaintegrazione, lavorate in nero come facchini; prendete 800 euro di stipendio, uscite e comprate altrimenti l’economia si ferma. E’ veramente un grande giullare che oggi dice e domani smentisce, e gli Italiani, con tanto di bocca aperta bevono tutto quello che lui piscia. Se metti una rana nell’acqua bollente questa prova a scappare e poi muore; se la metti nell’acua fredda e poi la scaldi, questa si fà bollire senza accorgersene. Auguri Italiani, dai che fra un pò ci saranno i mondiali di calcio: non siete contenti, senza soldi ma contenti?

  17. Credo che il (caro) signor prodino ha già distrutto tutto il distruttibile.Stia a casa sua,evitiamo che faccia altri danni.
    Sarebbe anche meglio che vada in pensione(a spese nostre), e che non rovini onesti studenti con le sue idee postcomuniste.

  18. HO PARTECIPATO ALLA UNIFICAZIONE ED ALLA SCISSIONE DEL PARTITO SOCIALISTA, AD UN CONGRESSO NAZ.LE DI UNO DEI DUE PARTITI SOCIALISTI, HO VISSUTO LA POLITICA DA DIETRO LE QUINTE ( ACCORDI, TRADIMENTI, INCIUCI, LITIGATE, ANCHE PUGNI, TRADIMENTI, MANIE, PAURE, ECC..) MA HO VISSUTO ANCHE DAL PALCOSCENICO ( ABBRACCI, BACI, COMPLIMENTI, PROMESSE, ECC..) SONO FUGGITO DISTANTE ANNI LUCE PIUTTOSTO CHE VIVERE IN UNA IPOCRESIA, CATTIVERIA, DISPREZZO,MENEFREGHISMO, VILTA’ DICENDO MEGLIO MANGIARE UNA CIPOLLA COLTIVATA DA SOLO AL MIO PAESE CHE UNA BISTECCA SERVITA IN UN PIATTO D’ORO NELLE SCHIFOSE ED ALTE SFERE POLITICHE

  19. E bene io spero che mai Prodi si sogni di ritornare in politica per quel poco che a fatto e cioè di portare l’italia in Europa a “spese nostre”non ha più diritto di ritornare a far politica piuttosto pensasse a restituire parte del suo guadagno allo stato a favore dei disoccupati che non habbiamo nessun reddito,lui si è occupato solo di portare l’italia i”COSTI QUEL CHE COSTI”in Europa e non ha pensato che prima di entrarci si doveva fare pulizia in casa nostra dal combattere mafie camorre che sono il pìù grave disastro dela nazione e con i soldi che si ottenevano combattendo le mafie si poteva entrare in europa e invece abbiamo dovuto pagare di tasca nostra a lacrime di sangue,e a risolvere il problema mafie lo fanno i volontari come “Don Ciotti”e altri,bravo Prodi in politica è ora che entrino giovani che abbiano voglia di lavorare basta con vecchi basta quannt ci hanno tolto dale nostre tasche.

Lascia un commento