Regionali 2015, Italia in quattro parti

Le regionali 2015 non saranno un test sul governo, per carità, ma due ragionamenti anziché sbraitare “colpa di Civati, Pastorino & co.” se la Liguria è andata a Toti, io al posto delle truppe renziane li farei, dato che l’Italia è praticamente divisa in quattro parti. Eccole. 1)Il Pd. Ridimensionato di parecchio, ma che comunque vince 5 regioni su 7, … Continua a leggere

A colpi di Rolex

Il capitalismo di relazione pare stia vivendo un brutto momento e certamente le pagine pubblicitarie acquistate sui giornali da Rolex Italia per dissociarsi da Renzi e Alfano e dalla loro definizione di “figli di papà con il Rolex” rischiano quasi di provocare una crisi di governo. Sarebbe l’unico modo, in effetti, per crearne una. Parliamo, come noto, della black bloc fotografata … Continua a leggere

L’eclissi dei Lupi

Della vicenda triste quanto reiterata nella storia italiana di Maurizio Lupi non parlerò nei dettagli: lo ha già fatto a iosa la cronaca politica e lo sta facendo la satira in tv e sugli altri media.  Ciò che forse è più interessante è che, nel giorno dell’eclissi solare che ci ha fatto più o meno tutti impazzire col naso all’insù … Continua a leggere

Mattarella di diritto, affettivo

Il discorso di Sergio Mattarella per il giuramento da presidente della Repubblica sarebbe durato soli venti minuti (già molti per lui – per fortuna uomo di poche parole in una politica di troppe) se non fosse stato interrotto da applausi fin troppo prodighi, ma siamo abituati a parlamentari che applaudono, convinti, anche quando i presidenti li strigliano. Mattarella lo ha fatto … Continua a leggere

Mille giorni di Renzi e di noi

La recessione tecnica annunciata con la stima Istat del Pil a -0,2% non è certo colpa di Matteo Renzi e del suo governo. Peraltro, nemmeno dei “gufi”, i quali dovrebbero semplicemente  pungolare chi sta al potere, come in qualsiasi democrazia. E chi sta al potere, dovrebbe metterlo in conto. Detto ciò, Renzi sapientemente rilancia, ricordando che il compito del Paese … Continua a leggere

Silvio Pride

L’ OndaPride 2014, dieci gay pride in dieci città italiane in contemporanea, ha prodotto un mezzo tsunami. Prima Francesca Pascale e Vittorio Feltri decidono di iscriversi all’Arcigay e Pascale punge il centrodestra invitandolo ad essere moderno su gay e diritti civili, poi cede anche il suo fidanzato Silvio Berlusconi che spiazza tutti e invita “a un confronto ampio e approfondito” su … Continua a leggere

Ballottaggi, il dito e la luna

Premesso che su 235 comuni, il Pd tra primo turno e ballottaggi ne ha vinti 160, possiamo anche soffermarci, come tutti stanno facendo, sulle roccaforti perse come Livorno, Perugia e Padova, ma guardiamo il dito invece della luna. Naturalmente Grillo esulta per Livorno: vedremo in quanto tempo riuscirà a sfanculare Nogarin, che non sembra uno dei suoi kamikaze, ma uno … Continua a leggere

Un Mose, un Gozi e un Toti: trovate le differenze

Ci risiamo, pioggia di arresti e acqua molto alta a Venezia per l’inchiesta sulle tangenti in ambito Mose, l’opera ciclopica quanto discussa che dovrebbe salvaguardare la serenissima, ma che per ora travolge tutta una classe politica bipartisan, dal sindaco Orsoni a Giancarlo Galan, passando per ex finanzieri in pensione (il generale Emilio Spaziante). Tutto già visto, tutto che ritorna, ancora … Continua a leggere

Il rosso e il nero

Il rosso è quello di Alexis Tsipras, che ha stravinto le elezioni europee in Grecia con Syriza ed è riuscito, nonostante la (a dir poco) confusione che regna nella sinistra italiana non nel Pd, a trascinare la lista L’Altra Europa sopra la soglia del 4%. Il nero arriva in primis da Francia e Gran Bretagna: il Fronte Nazionale di Marine Le … Continua a leggere

Renzi e le espulsioni M5S: l’importanza del “fattore R”

E’ un caso che la spaccatura nel M5S avvenga dopo la fiducia al governo Renzi? No, e in apparenza lo avvantaggia: ma non è detto Lo psicodramma che ha portato all’espulsione dei senatori ribelli del M5S era, per certi versi, prevedibile. Jacopo Iacoboni de La Stampa, forse il migliore osservatore del movimento, scrisse di desiderio di scissione lo scorso giugno … Continua a leggere